Radulovic rimproverato per il suo individualismo

Il primo vice primo ministro ha criticato il ministro dell’economia. Vucic è ancora più inferocito contro Radulovic poiché quest’ultimo non s è presentato alla riunione in cui si doveva discutere delle dimissioni del direttore della SIEPA, l’agenzia per la promozione delle esportazioni e l’attrazione degli investimenti.

Sono emerse grandi differenze concettuali tra il primo vice primo ministro Aleksandar Vucic e il ministro dell’economia Sasa Radulovic nel corso del consiglio dei ministri di ieri. Per quanto ha saputo Novosti, Vucic ha eliminato dall’ordine del giorno la proposta di Radulovic di sostituire il direttore della SIEPA Bozidar Laganin. Il primo vice primo ministro si è ulteriormente arrabbiato perché Radulovic non si è presentato al consiglio dei ministri che doveva discutere la sostituzione di Laganin. A posto del ministro dell’economia è arrivato il segretario di Stato all’economia che davanti a primo ministro e ministri ha dovuto “render conto” al posto del suo capo. Secondo le nostre informazioni Vucic ha apertamente criticato Radulovic e ha chiesto in maniera alterata al segretario di Stato: “Con chi si è consultato il ministro dell’economia prima di rendere pubbliche le sue dichiarazioni per l’abolizione della SIEPA e degli incentivi agli investimenti esteri? Come possiamo trovare dei partner per la FAP e per le altre imprese?”. Vucic ironicamente ha detto che Radulovic forse “aspira a essere dio ma ancora non lo è” e su temi tanto importanti non può decidere da solo. Ha anche aggiunto che non può difendere pubblicamente le idee e le proposte di Radulovic su cui non è stato consultato.

Poiché non ha avuto risposte sufficienti alle domande che ha posto e che hanno creato questa distanza tra lui e Radulovic, Vucic ha deciso di annullare il punto all’ordine del giorno relativo alle dimissioni di Laganin.

Bozidar Laganin si è dimesso ieri dal ruolo di direttore della SIEPA accusando il ministro dell’economia Radulovic di “persecuzione personale” nei suoi confronti: “Esprimo il desiderio che la mia presenza in queste circostanze non condizioni ulteriormente l’attività dell’agenzia”, ha scritto nella lettera di dimissioni.

 

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top