Radovanovic: “Il numero dei contagiati è vicino a quello reale, ma il sospetto resta”

“Ora ho l’impressione che le cifre mostrate siano più vicine alla situazione reale, ma se i numeri iniziano a diminuire bruscamente entro la fine di agosto, significa che le autorità stanno cercando di anestetizzare i genitori prima dell’inizio della scuola”, afferma il prof. Zoran Radovanovic, famoso epidemiologo.

Alla domanda se il calo di ieri del numero di persone infette, 57 casi, rappresenti un quadro epidemiologico realistico, Radovanovic ha osservato che il problema principale è che solo poche persone nel Paese posseggono i numeri reali.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

“Abbiamo una brutta esperienza, sappiamo di essere stati ingannati, quindi qualunque cosa mostrino ora, abbiamo motivo di essere scettici”, ha spiegato l’epidemiologo aggiungendo:

“Si prevedeva che il numero sarebbe cominciato a diminuire. Allo stesso tempo, coincide con la volontà del governo di entrare nell’anno scolastico. È possibile che il numero sia diminuito, perché abbiamo l’impressione di essere più vicini alla verità negli ultimi tempi rispetto a prima. In passato, questa deviazione dalla realtà era spesso drastica. Ora ho l’impressione che i numeri che mostrano siano più vicini alla situazione vera”.

Lo stesso fa notare che nei prossimi giorni sapremo se i numeri stanno cambiando a causa dell’inizio dell’anno scolastico.

“Vedremo nei prossimi giorni, se al 30, 31 agosto ci saranno solo 5 nuovi contagiati, è possibile che questo anestetizzi i genitori e li prepari a far andare i loro figli a scuola più facilmente e con meno tensione”, afferma.

L’Istituto di sanità pubblica della Serbia “Dr Milan Jovanović Batut” ha annullato il test PCR di controllo dopo la scadenza dell’isolamento di due settimane. Come affermato nella dichiarazione, il referto medico e l’interruzione della quarantena dipenderanno in gran parte dalla dichiarazione del paziente su come si sente.

Alla domanda su come commenta questa decisione, Radovanović spiega che è importante capire per quali ragioni sia stata presa.

“Il dubbio è sempre lo stesso: per motivi professionali o mancano i test”, dice Radovanović.

Quanto alla decisione di consentire nuovamente le visite agli anziani e alle case di riposo, afferma che è stata presa su richiesta dei reparti delle case e dei membri delle loro famiglie.

“Era crudele che i pazienti non potessero vedere i loro cari. C’era una base per cambiare la situazione”, dice Radovanović.

Lo stesso sostiene che tutto può essere fatto con cautela e se vengono seguite le misure suggerite il rischio di malattia è minimo.

https://nova.rs/vesti/drustvo/radovanovic-broj-zarazenih-blizi-realnom-ali-sumnja-ostaje/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... anno scolastico, Batut, case di riposo, contagiati, Radovanovic
Previste anche sospensioni per chi non indosserà le maschere a scuola

Ieri in Serbia il numero più basso di contagiati delle ultime due settimane

Chiudi