Raddoppiato il numero di medici che chiede la rimozione dell’Unità di crisi COVID

Il numero di firmatari dell’iniziativa “Ujedinjeni protiv kovida” (Uniti contro il Covid), che chiedono le dimissioni dell’unità di crisi per la lotta contro il COVID-19, è raddoppiato nelle ultime 24 ore dai 350 originali a circa 720 medici ed esperti.

Più di 700 medici e altri operatori sanitari chiedono all’organo preposto “di spiegare all’opinione pubblica le responsabilità sul database del portale COVID e di organizzare una procedura affidabile per la determinazione del numero di persone infette, malate e morte di COVID-19, sia nella popolazione generale che tra gli operatori sanitari”.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il Ministro della sanità Zlatibor Lončar ha fatto riferimento anche a questo nella conferenza stampa di ieri:

“Ci hanno chiamato medici che non sanno come firmare il documento e altri costretti a firmarlo. Rispetto per ogni chirurgo, ortopedico, anestesista. Le misure non sono però decise da loro, ma da epidemiologi. Io sono un chirurgo, non scelgo le misure, non le so. Ecco perché ci sono i migliori epidemiologi nello staff di crisi. La medicina è semplice, devi solo rispettarne i principi”, ha affermato Lončar.

Slobodan Savić e altri esperti sono i benvenuti con tutte le loro idee, ha aggiunto il Ministro.

“Ieri cinque persone mi hanno chiamato per voler ritirare la firma. Nuovi esperti sono ben accetti con le loro idee, Stevanovic è così. Il meglio che abbiamo ora in Serbia fa parte dell’Unità”.

Alla domanda se la composizione dell’organo di crisi sarebbe potuta essere diversa, il Ministro ha risposto:

“È stato offerto ad alcuni che si sono distinti nei commenti di entrare nello staff, ma hanno rifiutato. Siamo in un momento in cui il virus è qui, abbiamo un numero alto di malati e deceduti, e abbiamo bisogno dell’unità e del sostegno delle persone dello staff di crisi e di tutti coloro che partecipano alla lotta. Se mi convincerete che la soluzione è Oliver Dulic, che non ha praticato nemmeno nel suo periodo d’oro, allora…Rispetto ogni medico, sia lui che gli altri, ma la soluzione non è portare un elenco partitico”, ha concluso Loncar.

https://www.blic.rs/vesti/drustvo/dupliran-broj-lekara-koji-traze-novi-krizni-stab-loncar-odgovorio-dobrodosli-su-svi/e3e0kzt

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in covid-19, Ministro Loncar
Circa 350 medici chiedono la rimozione dell’attuale unità di crisi COVID

I DS chiedono lo scioglimento dell’attuale unità di crisi COVID-19

Close