Quattro Paesi sollecitano il Kosovo a riconsiderare il divieto di utilizzare il dinaro come moneta corrente

Quattro Paesi europei e gli Stati Uniti hanno esortato domenica il Kosovo a sospendere la decisione di vietare alla minoranza serba di utilizzare il dinaro serbo, una mossa che potrebbe alimentare le tensioni etniche nell’instabile nord del Paese.

La valuta ufficiale del Kosovo è l’euro, ma la maggioranza della comunità serba, pari al 5%, utilizza anche il dinaro come parte del suo rifiuto di riconoscere lo stato del Kosovo.

All’inizio del mese la Banca Centrale ha dichiarato che tutti i pagamenti in Kosovo dovranno essere effettuati solo in euro, suggerendo che il dinaro serbo non sarà più utilizzato dal 1° febbraio.

La Serbia, che non riconosce l’indipendenza della sua ex provincia separatista, continua a usare il dinaro per pagare le pensioni, l’assistenza sociale e gli stipendi delle istituzioni parallele illegali serbe in Kosovo.

“Siamo preoccupati per l’impatto del regolamento (della Banca Centrale) in particolare nelle scuole e negli ospedali, per i quali al momento non sembra possibile alcuna procedura alternativa”, hanno dichiarato Stati Uniti, Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna, noti come gruppo Quint.

I Paesi del Quint, che sono i maggiori alleati del Kosovo sia politicamente che finanziariamente, hanno affermato che un ritardo nell’attuazione della decisione dovrebbe “consentire un periodo di transizione sufficientemente lungo e una comunicazione pubblica chiara ed efficace”.

(Radio Free Europe, 28.01.2024)

https://www.slobodnaevropa.org/a/kvinta-kosovo-dinar/32795206.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!