Quattro importanti sviluppi economici

Con la Germania che entra in recessione e la Serbia che registra una crescita significativamente inferiore della sua produzione industriale, ecco cinque importanti eventi economici da tenere d’occhio:

  1. La Fiat Panda prodotta a Kragujevac potrebbe rilanciare la produzione serba

Secondo l’edizione di gennaio della rivista Macroeconomic Analysis and Trends (MAT), a partire da questo mese possiamo aspettarci tassi di crescita su base annua decisamente più modesti per l’industria serba nel suo complesso. È improbabile una ripresa a breve termine del settore della trasformazione, in presenza di una marcata recessione economica nell’Eurozona. Un’inversione di tendenza positiva nella seconda metà del 2024 è possibile se nello stabilimento Fiat di Kragujevac venisse avviata la produzione di massa del nuovissimo modello Fiat Panda.

  1. Le infrastrutture nei Balcani occidentali sono inferiori del 50% alla media dell’UE

Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), lo sviluppo medio delle infrastrutture nei Balcani occidentali è inferiore di circa il 50% rispetto alla media dell’Unione Europea (UE) e le strozzature esistenti ostacolano l’integrazione economica nelle catene del valore mondiali. Kyriacos Kakouris, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI), ha affermato che le carenze delle infrastrutture pubbliche nei Balcani occidentali continuano a rappresentare un ostacolo a un più rapido sviluppo del settore privato, alla prosperità economica e all’integrazione nel mercato unico europeo.

“Uno sviluppo ben definito delle infrastrutture pubbliche, insieme a quadri più solidi per la gestione degli investimenti, potrebbe aumentare significativamente l’efficienza della spesa pubblica e contribuire a far leva sul sostegno finanziario dell’UE, delle istituzioni finanziarie internazionali e dei donatori”, ha dichiarato Kakouris.

  1. La recessione incombe sulla Germania

Il volume della produzione industriale in Germania è sceso inaspettatamente nel novembre 2023, mostrando ancora una volta in quali difficoltà si trovi la più grande economia europea. La produzione è diminuita dello 0,7% rispetto a ottobre e il calo maggiore è stato registrato nei settori della produzione di beni strumentali e prodotti intermedi, ha dichiarato l’ufficio statistico tedesco. Si tratta del sesto calo consecutivo.

  1. Anche la regione di Adria vivrà una recessione?

 L’economista dell’Istituto di Vienna per gli Studi Economici Internazionali (WIIW) Branimir Jovanović ritiene che l’Europa orientale sia in testa al continente in termini di crescita economica e quindi la probabilità di recessione, secondo le proiezioni del WIIW, è più bassa rispetto all’Europa occidentale.

La regione dei Balcani occidentali si posiziona meglio nella parte orientale del continente.

“Purtroppo la Serbia è uno dei Paesi più deboli in termini di crescita economica, cioè nella metà inferiore dei Paesi dei Balcani occidentali. Quindi la probabilità che la Serbia subisca una recessione è leggermente più alta rispetto all’intera area dei Balcani occidentali. La Bosnia-Erzegovina si trova in una situazione simile a quella della Serbia, mentre la Macedonia del Nord è in una situazione leggermente peggiore”, ha detto Jovanović.

(Bloomberg Adria, 10.01.2024)

https://rs.bloombergadria.com/ostalo/opste/49605/mnogo-toga-zavisi-od-pande-i-bolje-infrastrukture/news/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!