Quasi il 40% dell’elettricità in Serbia è stata prodotta nel 2021 da fonti di energia rinnovabile

Quasi il 40% dell’elettricità in Serbia è stata prodotta nel 2021 da fonti di energia rinnovabile, secondo i dati dell’Agenzia per l’energia. Di questa, la maggior parte dell’elettricità proviene da centrali idroelettriche (32,5%), seguite da centrali eoliche (2,8%) mentre la quota rimanente è costituita da piccole centrali idroelettriche (MHE), centrali solari e biomasse (2,5% dell’energia ).
La Ministra dell’Energia della Serbia, Zorana Mihajlović, aveva affermato a maggio che “le nuove capacità per la produzione di elettricità da fonti di energia rinnovabile sono un pilastro della sicurezza e della stabilità energetica e che senza investimenti non c’è sviluppo né dell’energia né dell’economia nel suo complesso”. L’unico modo per la Serbia di essere energeticamente sicura e indipendente “è aumentare la capacità di produrre elettricità” da fonti rinnovabili, aveva detto.
Sulla copertura presente nel in Serbia da pannelli solari, l’analista energetico ed economico Velimir Gavrilović dice che la Serbia ha una modesta copertura di pannelli solari in relazione ai Paesi sviluppati, ma anche in relazione ad alcuni Paesi della regione che in precedenza avevano iniziato con incentivi per investire nelle energie rinnovabili attraverso i pannelli solari. “Ad esempio, nel 2021, le centrali solari in Serbia hanno prodotto solo 13,5 gigawattora (GWh) di elettricità, cifra trascurabile nella produzione totale di elettricità, solo lo 0,04%. D’altra parte, c’è un grande interesse da parte degli investitori a investire in centrali solari per la produzione e la consegna a terzi, ma anche per l’investimento degli stessi consumatori nelle proprie centrali, che ridurrebbe le elevate spese per il prelievo di energia elettrica dalla rete. Pertanto, i consumatori diventano allo stesso tempo produttori, secondo il cosiddetto modello del prosumer (produttore e consumatore simultaneo di energia). Naturalmente, tutti sono stimolati dai prezzi incredibilmente alti dell’elettricità sul mercato, quindi è prevedibile che il numero di centrali solari crescerà rapidamente”, ha affermato.
L’esperto internazionale nel campo dell’ambiente e delle energie rinnovabili, Dušan Vasiljević, pensa che la copertura dei pannelli solari in Serbia non sia sufficiente e rappresenti solo una fonte delle energie rinnovabili possibili, attualmente la più conveniente perché non richiede molta preparazione e può essere installata abbastanza rapidamente. “Attualmente abbiamo circa 50 MWh in funzione in Serbia, ma vengono costantemente costruite nuove centrali solari. L’installazione a casa è diventata improvvisamente interessante, dopo l’annuncio del governo serbo e l’adozione della legge sulle energie rinnovabili e del decreto sui prosumatori. È ancora molto lontano però da ciò che potrebbe essere realizzato e utilizzato”, ha detto Vasiljević.
https://biznis.rs/vesti/srbija/solarni-paneli-na-svim-krovovima-u-srbiji-obezbedili-bi-tri-puta-vise-struje-nego-sto-nam-je-potrebno/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top