Quanto sono alti i tassi di interesse che la Serbia paga sui prestiti cinesi?

Quest’anno il governo serbo dovrà pagare 178 milioni di dollari per il rimborso dei prestiti cinesi, senza contare i prestiti che abbiamo appena contratto. Spesso si discute se il debito cinese sia una buona opportunità economica o un cappio al collo del Paese.

Nikola Stakić, professore all’Università Singidunum, afferma che la Serbia non è sovraindebitata con la Cina, ma ha preso sempre più prestiti dai creditori cinesi. Secondo gli ultimi dati, il debito ammonta attualmente a circa 3,7 miliardi di euro. “Si tratta di circa il 15% del debito estero della Serbia e ciò che forse è davvero indicativo quando guardiamo le statistiche è che, ad esempio, attualmente dobbiamo 2,6 miliardi di euro alla Exim Bank cinese, che è il nostro singolo creditore più grande”, dice il professor Stakić.

Aggiunge che i prestiti dalla Cina sono più flessibili e disponibili per la Serbia e non è necessario seguire procedure complicate o presentare la documentazione del progetto, cioè tutto ciò che le banche europee richiedono prima di approvare un prestito. D’altra parte, lo svantaggio dei prestiti dalla Cina è che non c’è un’adeguata trasparenza.

Stakić afferma che i tassi di interesse sui prestiti concessi dai creditori cinesi sono “molto diversi”.

Il debito della Serbia nei confronti della Cina è aumentato di 12 volte negli ultimi 10 anni, passando da 305 milioni a 3,7 miliardi di euro, ha riferito Radio Free Europe (RSE) sulla base dei dati ricevuti dalla Banca Nazionale di Serbia (NBS).

Negli ultimi dieci anni, i prestiti sono stati presi per progetti infrastrutturali che, a causa della mancanza di trasparenza fin dall’inizio, sono ancora sotto il controllo dell’Unione Europea (UE).

Secondo Branimir Jovanović, dell’Istituto di Studi Economici Internazionali di Vienna, la situazione del debito non è ancora preoccupante, ma “bisogna stare attenti”.

(Forbes, 13.05.2024)

https://forbes.n1info.rs/novac/kolike-kamate-placamo-na-kineske-kredite-video/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top