Quanto è diminuito il tenore di vita in Serbia dalle ultime elezioni?

Lo stipendio medio netto in Serbia nell’aprile 2022 era di 73.012 dinari e nel settembre 2023 era di 85.066 dinari, con un aumento del 16,5%.

Allo stesso tempo, nello stesso periodo l’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 17,7%, secondo i dati dell’Ufficio statale di statistica.

“Questo significa che il potere d’acquisto della popolazione è diminuito in media dell’1,2%”, spiega Branimir Jovanović dell’Istituto di Vienna per gli studi economici internazionali alla BBC Serbia. “Il residente medio serbo vive sicuramente peggio oggi in termini economici rispetto all’aprile 2022”, aggiunge.

Confrontare la crescita dei salari medi e il valore del paniere medio dei consumi in Serbia è forse il modo migliore per capire che il tenore di vita è diminuito rispetto all’aprile 2022, sottolinea il professor Milan Nedeljković, preside della Facoltà di Economia, Finanza e Amministrazione (FEFA).

Nell’aprile 2022, il paniere medio mensile per una famiglia di quattro persone costava 83.633 dinari, mentre il paniere minimo era di 43.198 dinari. Gli ultimi dati pubblicati, relativi all’agosto 2023, mostrano che il paniere medio mensile dei consumi vale ora 100.157 dinari, mentre il paniere minimo vale 50.050 dinari. “Anche i salari in questo periodo non sono cresciuti in modo uguale nei diversi settori: in alcuni sono aumentati più velocemente dell’inflazione e in altri hanno ristagnato”, osserva.

Il salario mediano, cioè quello percepito da più della metà dei dipendenti, è cresciuto a un ritmo diverso rispetto al salario medio tra aprile 2022 e settembre 2023.

Se a settembre di quest’anno la metà dei dipendenti serbi guadagnava fino a 65.727 dinari, nell’aprile dello scorso anno la cifra era di 55.267 dinari.

Il professor Nedeljković indica l’inflazione come uno dei fattori decisivi per la crescita dei salari in questo periodo. “Ciò che è diverso oggi rispetto ai precedenti periodi di alta inflazione è il grande bisogno di forza lavoro nel nostro Paese e nel mondo. Questo è uno sviluppo positivo perché dà alle persone un po’ più di potere di negoziare i salari o gli aumenti, soprattutto nei settori in via di sviluppo”, aggiunge.

L’economista Branimir Jovanović ritiene che il deterioramento del tenore di vita in Serbia dall’aprile dello scorso anno sia “parzialmente una conseguenza delle tendenze globali”, in primo luogo la guerra in Ucraina, l’inflazione globale e l’aumento dei tassi di interesse a livello mondiale.

“Tuttavia, sembra che le autorità serbe avrebbero potuto fare di più per proteggere i cittadini: l’inflazione è andata fuori controllo e non è un caso che quest’anno la Serbia abbia l’inflazione più alta della regione. Non credo che il governo abbia fatto abbastanza per aumentare i redditi dei cittadini. Inoltre, la politica fiscale è stata eccessivamente restrittiva per tutto l’anno, il che ha ulteriormente rallentato la già fiacca economia”, aggiunge Jovanović.

Sebbene i prezzi di molti generi alimentari di base siano ora molto più alti rispetto all’aprile 2022, a settembre il governo serbo ha deciso di limitarne alcuni. I prezzi di olio da cucina, carne, zucchero, prodotti a base di carne, farina, latte, alcuni tipi di frutta e verdura e altri generi alimentari sono stati limitati. Questa mossa “probabilmente rallenterà l’inflazione”, ma non la fermerà”, afferma Branimir Jovanović e aggiunge: “Nonostante questa mossa, i prezzi a ottobre sono aumentati in media dello 0,3% rispetto a settembre e nei prossimi mesi ci si può aspettare che siano ancora più alti, soprattutto quando la restrizione dei prezzi verrà rimossa”.

(Naslovi.net, BBC Serbia, 29.11.2023)

https://naslovi.net/2023-11-29/bbc-news/izbori-u-srbiji-2023-koliko-se-promenio-zivotni-standard-od-proslog-izlaska-na-biralista/35090664

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!