Quando la Serbia in Europa?

La solita domanda prima della fine di ogni anno e l’inizio di uno nuovo è: quanto la Serbia è vicina all’Unione Europea?

Mentre gli analisti stimano che sia impossibile aspettarsi che il Paese aderisca all’UE nei prossimi cinque anni, il Ministro per l’integrazione europea, Jadranka Joksimović, ritiene che la nuova metodologia di adesione all’Unione accelererà l’intero processo.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Tuttavia, da questa prospettiva, appare improbabile la Strategia della Commissione Europea per i Balcani Occidentali, presentata in modo ottimistico, che all’inizio del 2018 prevedeva la possibilità che Serbia e Montenegro entrassero in Unione Europea nel 2025.

Una soluzione alla questione del Kosovo non è in agenda e i capitoli chiave 23 e 24 relativi allo stato di diritto rimangono aperti, sebbene siano stati aperti nel 2016.

Tuttavia, questo non è l’unico problema per la Serbia sulla strada per l’UE nei prossimi cinque anni. Le stesse “formalità”, cioè la procedura di formalizzazione dell’adesione all’UE, che implica anche un certo lasso di tempo, “accorcia” le scadenze per l’integrazione europea.

Il vicepresidente del Movimento europeo in Serbia, Vladimir Medjak, spiega di cosa si tratta a “Blic”.

“Riguarda il meccanismo stesso per entrare nell’Unione. Affinché la Serbia possa entrare a far parte dell’UE il 1° gennaio 2026, deve avere un trattato di adesione che sarà ratificato da tutti i 27 membri dell’UE e che richiede un minimo di 18 mesi. Ciò significa che il trattato di adesione deve essere firmato nel giugno 2024. Tuttavia, affinché ciò avvenga, deve essere redatto per almeno sei mesi. Pertanto, la Serbia deve chiudere l’ultimo capitolo entro il dicembre 2023”, sottolinea Medjak.

Tuttavia, questa non è la fine delle “formalità”.

“Prima di ciò, la Commissione europea, attraverso il Consiglio dei Ministri, deve informare gli Stati membri che la Serbia ha soddisfatto tutte le condizioni per entrare nell’UE e per questo, in circostanze ideali, dove tutti i Paesi ti supportano, sono necessari almeno quattro mesi. In conclusione nel settembre 2023 la Serbia dovrà completare tutti i processi di adesione, il che significa che dovrà quindi aprire altri 16 capitoli e chiudere i capitoli chiave 23 e 24 riguardanti lo stato di diritto”, spiega Medjak.

Come dice lui, per questo motivo, la Serbia ha pochissimo tempo per raggiungere quell’obiettivo.

“Se teniamo presente che le elezioni presidenziali e parlamentari anticipate in Serbia si terranno nel 2022 e che sicuramente ci vorranno sei mesi, arriviamo alla conclusione che la Serbia ha solo 27 mesi per raggiungere tale obiettivo. E questo per tutto il 2021, metà del 2022 e nove mesi del 2023”, sottolinea.

La nuova metodologia di adesione all’UE che è stata promossa quest’anno non può accelerare tale processo.

“Dobbiamo ancora vedere quanto questa metodologia sarà di aiuto. Ma è già chiaro che fino a quando lo Stato non avrà completato il cosiddetto passaggio intermedio, che sono i capitoli 23 e 24, ciò significa che non potrà chiudere nemmeno gli altri capitoli. E i capitoli chiave 23 e 24 riguardanti lo stato di diritto non possono essere chiusi senza modifiche alla Costituzione nel settore della giustizia, e ciò è possibile solo attraverso un referendum. Ciò significa che dovremmo averlo insieme alle elezioni presidenziali e parlamentari anticipate nel 2022. Allo stesso tempo, siamo in ritardo in un gran numero di altre aree”, sottolinea Medjak, e aggiunge che la Serbia è pronta solo a chiudere immediatamente il capitolo 7 sulla proprietà intellettuale.

https://www.blic.rs/vesti/politika/evropski-san-ili-nocna-mora-prvo-je-bila-2025-godina-a-onda-je-meta-pocela-da-se/zkemh6w

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Adesione, Jadranka Joksimovic, Serbia
Il 52% dei serbi a favore di un intervento armato in Kosovo

I cittadini vedono la Serbia come uno Stato prigioniero

Chiudi