Putin: la zona libera dell’UEE sarà presto aperta per la Serbia

Secondo il Presidente russo Vladimir Putin i colloqui in corso tra i paesi dell’Unione economica eurasiatica (UEE) sulla creazione di una zona di libero scambio con la Serbia saranno presto completati con successo.

“Ci aspettiamo che le trattative in corso sulla creazione di zone di libero scambio con Egitto, Israele, India, Iran, Serbia e Singapore siano fruttuose. La zona di libero scambio, istituita con il Vietnam, funziona con successo dal 2016”, ha osservato Putin per l’agenzia di stampa russa TASS. Inoltre il Presidente ritiene che la firma di un accordo di cooperazione commerciale ed economica tra l’UEE e la Cina rappresenti un grande potenziale. “Sono fiducioso che l’Unione economica eurasiatica e l’iniziativa cinese “One Belt, One Road” potrebbero effettivamente completarsi a vicenda”, ha sottolineato Putin, facendo anche appello ad una più ampia cooperazione tra l’UEE e la Comunità di Stati Indipendenti (CSI).
L’EEU è un blocco commerciale istituito nel 2015 in base all’Unione doganale di Russia, Kazakistan e Bielorussia. Successivamente è stato raggiunto da Armenia e Kirghizistan. Nel 2016, il Vietnam è diventato ufficialmente il primo paese non regionale ad aderire al blocco, progettato per garantire la libera circolazione di beni, servizi, capitali e lavoratori tra gli Stati membri.
Più di 40 paesi e organizzazioni internazionali, tra cui Cina, Indonesia e Iran, così come alcuni paesi sudamericani, hanno espresso interesse per un accordo di libero scambio con l’UEE.
(Blic, 18.01.2018)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Cina, libero scambio, Putin, Russia
trump
Il Senato americano contro la Russia, la Serbia… o Trump?

Dikovic
Gli USA negano il visto a Dikovic, generale dell’esercito serbo

Close