Proteste a Belgrado

Sabato 8 dicembre, a Belgrado, si è tenuta una protesta, sotto lo slogan “Stop alle magliette insanguinate”, con diverse migliaia di cittadini che si sono radunati sul plateau di fronte alla Facoltà di Filosofia e in seguito si sono recati verso il Parlamento e l’edificio del RTS.

La protesta si è conclusa con l’attacco ad un politico dell’opposizione e i manifestanti che chiedono cambiamenti politici da parte del presidente Aleksandar Vucic e del suo partito. Il funzionario dell’opposizione Borko Stefanovic, è stato attaccato da un gruppo di uomini vestiti di nero il 23 novembre, nella città di Krusevac e ha subito ferite per essere stato picchiato con una asta di ferro.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Come riportato dai media, non ci sono stati incidenti durante la protesta, appoggiata da diversi personaggi famosi, artisti e politici dell’opposizione. Dragan Djilas, Bosko Obradovic, Borko Stefanovic, Zoran Lutovac, Balsa Bozovic, Nikola Jovanovic e Miroslav Aleksic sono stati visti alla protesta senza alcun emblema del loro partito politico.

Portavano cartelli con scritto “Sempre un fischietto, mai più una pistola”, “Per lo stato di diritto e la giustizia”, ​​”I neo-nazisti progressisti” (puntati su SNS), “Maledetta banda”, “Perché taci Europa?”,” Aprite i media al capo dell’opposizione”.

In precedenza, uno dei leader dell’opposizione “Alleanza per la Serbia”, Dragan Djilas, ha affermato che il raduno sarebbe stato una protesta pacifica e non politica contro la violenza. Ha anche detto per il Blic che la protesta mirerebbe a “tutto ciò che è male nella società”.

La parlamentare Ana Stevanovic ha detto per N1 che la protesta è stata una chiamata contro la violenza verbale, fisica e psicologica. Le copertine dei giornali serbi mostrano che i media hanno per lo più ignorato la protesta, ha detto la Stevanovic chiedendo che cosa il governo e gli editori stanno cercando di nascondere?

“Ci siamo riuniti per combattere la violenza, la violenza che si svolge in parlamento contro i legislatori dell’opposizione, la violenza che si svolge nella società e la violenza contro il leader della “sinistra serba”, Borko Stefanovic”, ha detto Ana Stevanovic. Essa stima che ci siano state decine di migliaia di cittadini alla protesta e che i media per alcuni motivi ha dovuto ignorarla.

Quando è stato chiesto al presidente serbo Aleksandar Vucic di commentare le proteste, egli ha detto che “non lo hanno colpito particolarmente” e che “non cederebbe a pressioni non istituzionali”.

“Volete le elezioni? Che cosa volete? Farmi cedere a queste vostre assurdità? Di certo non lo farò, non l’ho fatto nemmeno quando i manifestanti hanno camminato per quattro mesi lungo le strade di Belgrado. Ve lo dico sinceramente, è l’ultima cosa che mi può venire in mente”, ha detto Vucic ai giornalisti, domenica, dopo un panello organizzato dal suo partito SNS.

Vucic ha sottolineato che “non risponderà mai a nessuna delle richieste dei manifestanti dell’opposizione”. Ha anche detto che la Serbia è un paese in cui “a tutti è permesso dire quello che pensano, ma che il bullismo non vincerà mai, né diventerà mainstream”.

Il presidente ha continuato dicendo che la protesta di sabato è stata organizzata da “persone scontrose e prepotenti”.

“Ogni protesta è essenzialmente politica. E questo non è un problema”, ha detto Vucic aggiungendo:” Penso che lo stato abbia agito in modo responsabile e serio verso la protesta. Non ci sono stati poliziotti da nessuna parte. Nessuno ha impedito ai manifestanti di camminare dove volevano. Non ci sono state teste insanguinate, come ci sono state in alcuni paesi che ci fanno la  predica sul vero comportamento democratico”.

Photo credits: Tanjug / Rade Pretic

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Aleksandar Vucic, Ana Stevanovic, Djilas, media, Protesta
NUNS e alcune ONG chiedono una rapida indagine sull’acquisto di Srdjan Milovanovic di O2 e Prva TV

Rada Trajkovic: “Vucic e Thaci sono una squadra in missione”

Chiudi