Protesta “Uno su cinque milioni” a Belgrado: Bloccatto l’edificio di RTS

La protesta civile “1 su 5 milioni” a Belgrado si è conclusa ieri sera al di fuori dell’edificio della Radio Televisione di Serbia (RTS).

La protesta è iniziata con un raduno in via Vasina, per poi proseguire verso piazza Terazije, in ricordo della manifestazione del 9 marzo 1991.

All’inizio della protesta, sul plateu di fronte alla Facoltà di Filosofia si è rrivolto ai cittadini Vladimir Dimitrijevic, che ha detto che le proteste civiche devono difendere lo stato di diritto dal regime di Vucic.

“In un paese dove tutto è diventato violenza pura dal progetto Belgrade Waterfront all’abbattimento delle case delle persone che criticano il regime, non dobbiamo dimenticare che l’unica soluzione a tutto ciò è lo stato di diritto”, ha detto Dimitrijevic.

In occasione dell’anniversario delle manifestazioni tenutesi il 9 marzo 1991, egli ha detto che anche allora i cittadini chiedevano la libertà dei media. Dimitrijevic ha detto che dal 9 marzo ha continuato a partecipare a tutte le proteste e che nessuno ha più il diritto di fare errori.

“Viviamo nella giungla di Vucic con un clown senza senso dell’umorismo”, ha commentato Dimitrijevic.

Dopo i discorsi sul plateu i cittadini hanno marciato per le vie Uzun Mirkova, Kolaraceva per arrivare in piazza Terazije, dove ai manifestanti si è rivolto l’attore Branislav Lecic, il quale ha invitato tutte le persone in Serbia a marciare in segno di protesta.

“Nessuno ci aiuterà nel nostro cammino verso la libertà. Non ci aiuteranno i russi, e nemmeno gli americani o Bruxelles. La libertà dobbiamo conquistarcela da soli!”, ha detto Lecic.

Lecic ha sottolineato che i cittadini della Serbia hanno il potere nelle loro mani e che lo stato e tutte le sue istituzioni esistono per loro. Ha aggiunto che anche nel 1991 i cittadini chiesero a RTS di aprire la porta all’opposizione e alle persone che la pensano in modo diverso”.

I cittadini hanno bloccato l’ingresso all’edificio di RTS in via Takovska e gli organizzatori hanno invitato i cittadini a bloccare anche il secondo ingresso in via Abadarevo.


Le proteste si sono svolte ieri sera anche a Kragujevac, a Novi Pazar, a Brus, a Smederevska Palanka, a Backa Palanka, a Batocina.
Photo Credits:”FoNet/Aleksandar Barda”
https://www.danas.rs/politika/u-toku-protest-u-beogradu-najavljena-blokada-rts-a/?fbclid=IwAR0NlHm_2Ox6giFiUVa2ioyha-oJcoXEDvEbQ6D5lWswbRp3-9A9hOBUzqk

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in 1 su 5 milioni, Branislav Lecic, cittadini, proteste, RTS
1.475 professori firmano il “sostegno universitario” alle proteste civili

I fratelli Trifunovic per l’Associated Press: Le proteste per la Serbia sono l’ultima possibilità di uscire dagli abissi

Close