Pronto il nuovo progetto di legge per i lavoratori occasionali

Il progetto di legge per l’occupazione semplificata nei lavori stagionali e altri lavori occasionali in Serbia prevede che il datore di lavoro possa assumere lavoratori occasionali nel settore edile, ristorazione, informazione, intrattenimento e ricreazione, industrie creative, babysitter e cura degli anziani, cura dell’igiene.

Tranne che in agricoltura, dove una legge simile è già applicata e definita per la semina, raccolta, raccolta della frutta, cura del bestiame, tale trattamento dovrebbe essere dato ai lavoratori edili per la preparazione di cantieri, strumenti di trasferimento, scavature a mano, lavori di scarico e carico…

Il disegno di legge, preparato dal Ministero del lavoro, semplifica anche il lavoro di baristi, camerieri, cuochi, lavapiatti, guide turistiche e accompagnatori.

Nel settore dell’informazione e della comunicazione, la produzione audiovisiva, il lavoro di comparse, autisti e altri sono considerati lavori occasionali. Operatori occasionali del settore artistico, dello spettacolo e del tempo libero potranno essere impiegati nell’organizzazione di eventi, promozione, controllo dei biglietti, manutenzione dell’igiene, lavori ausiliari per le esigenze di tecnologia e scenografia.

Il datore di lavoro può assumere quindi un lavoratore in questi settori per dei lavori occasionali per un massimo di 180 giorni durante un anno solare, o un massimo di 15 giorni al mese, e lo stesso lavoratore per un massimo di 120 giorni all’anno. Il lavoratore, come previsto, ha diritto ad una pausa durante il lavoro da 15 a 45 minuti, a seconda della durata dell’orario di lavoro, ma non alle ferie annuali.

Per un lavoro occasionale può anche essere assunto un lavoratore a tempo pieno o a tempo parziale. Un dipendente a tempo pieno può essere assunto anche per lavori occasionali, ma per un massimo di un terzo del lavoro a tempo pieno.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di evidenziare la presenza del dipendente tutti i giorni lavorativi fino alle 10 del mattino per il primo turno e dalle 13-15 per il turno pomeridiano attraverso un apposito sistema informativo, collegato all’Amministrazione Finanziaria.

L’orario di lavoro dura, come previsto dalla proposta, 8 ore per un massimo di 12 con gli straordinari, e se il lavoratore è impiegato in uno dei giorni previsti per il riposo, ha diritto poi ad un giorno libero.

https://www.danas.rs/ekonomija/prosiruje-se-lista-poslova-u-srbiji-za-koje-poslodavac-moze-angazovati-povremenog-radnika/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top