Banca europea per gli investimenti: nuovi progetti in Serbia

La Banca europea per gli investimenti (BEI) è interessata allo sviluppo di partenariati pubblico-privato in Serbia, così come all’ulteriore sviluppo di progetti regionali e allo sviluppo della rete stradale locale come parte della rete di trasporto trans-europea.

La dichiarazione è stata resa dal capo dell’Ufficio regionale per i Balcani Occidentali della BEI, Dubravka Negre, che ha incontrato lunedì il Ministro delle Finanze serbo Dusan Vujovic.

La BEI prevede inoltre di finanziare nuovi progetti nei settori dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione, energia e tutela dell’ambiente, così come nuovi progetti infrastrutturali, quindi progetti di adeguamento, manutenzione, e costruzione di strade e linee ferroviarie.

Secondo il comunicato diffuso dal Ministero dell’Economia, l’incontro tra Vujovic e Negre è stato incentrato sulle modalità della futura cooperazione e sulla valutazione dei quindici progetti in corso in cui la BEI è coinvolta in Serbia.

La BEI è attiva nei Balcani Occidentali dal 1977. Dal 2001 ha fornito finanziamenti per un totale di 4,3 miliardi di euro a favore di progetti in Serbia in supporto di tutti i principali settori delle infrastrutture, nonché a sostegno di piccole e medie imprese, dell’industria, e delle le autorità locali.

(Tanjug, 19.09.2016)

http://tanjug.rs/full-view_en.aspx?izb=271149

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top