Produzione Fiat500L: nuova battuta d’arresto

Fiat500L: le linee di produzione e di assemblaggio in Fiat Chrysler Automobiles Serbia a Kragujevac sono state nuovamente sospese.

Questa volta, come ha provveduto a comunicare la FCA Serbia, le linee di produzione resteranno inattive fino al 30 novembre, e, in seguito, la produzione di tutti i tipi Fiat500L inizierà di nuovo articolata in due turni grazie ai quali 450 vetture al giorno saranno completate.

Il motivo alla base di questa nuova battuta d’arresto, la seconda o la terza dopo la cancellazione avvenuta quest’estate di uno dei tre turni e dopo il licenziamento di diverse centinaia di lavoratori in eccedenza, è, ancora una volta, la riduzione della domanda da parte del mercato estero, soprattutto americano, per il solo modello in produzione nella fabbrica di Kragujevac, Fiat 500L.

Nel 2016, la FCA Serbia produrrà un numero di poco superiore alle 70.000 vetture, quindi tre volte inferiore rispetto a quanto permetterebbero le sue capacità e cinque volte inferiore alle capacità potenziali, in quanto la cancellazione di un turno ha notevolmente ridotto il piano di produzione.

Inoltre, considerando che il piano di produzione di automobili Fiat 500L previsto per il 2016 è stato già in gran parte realizzato, non possono essere escluse nuove battute d’arresto prima della fine dell’anno.

(eKapija, 28.11.2016)

http://www.ekapija.com/website/en/page/1607791/Foreigners-increasingly-less-interested-in-Fiat-500L-FAS-stops-Kragujevac-production-lines-again

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top