Produzione biologica: espansione e successo del settore in Serbia

La Serbia ha delle grandi potenzialità per la produzione e la vendita di prodotti biologici nei mercati esteri. Si tratta di uno dei settori in Serbia che sta attraversando una fase di intenso sviluppo e di crescita, come viene comunicato dalla Camera di Commercio della Repubblica di Serbia.
La produzione biologica consente a piccole fattorie che lavorano su terreni dell’estensione di 2-4 ettari di esportare nel mercato dell’Unione Europea, realizzando un profitto significativo. Per quanto riguarda la frutta, la maggior esportazione riguarda il lampone, la mora congelata, e le mele. Inoltre, vengono esportati anche i concentrati di mela, frutta secca, purea di amarena, cotogna e mora.
“Abbiamo raggiunto ottimi risultati con persone che hanno deciso di abbandonare le proprie professioni nelle città e diventare agricoltori. Adottando un approccio giusto e studiando le tendenze e la letteratura in materia si possono raggiungere risultati positivi”, ha affermato il capo del Centro per la produzione biologica della Camera di Commercio Veljko Jovanovic.Come Jovanovic ha spiegato, per la produzione biologica sono necessari investimenti maggiori per ottenere raccolti quantitativamente minori, ma questo tipo di produzione può determinare un guadagno molto più grande, poiché si sta verificando una crescita globale di interesse nei confronti dei prodotti sani. 

Anche se le possibilità sono enormi e anche se ancora non sono sfruttate sufficientemente, sono sempre di più le imprese che si occupano della produzione biologica. Sei anni fa, solo 137 produttori operavano in questo settore, mentre nel 2015 questa cifra è aumentata e, inclusi i cooperanti, ammonta ora a quasi 2000 produttori.

Jovanovic ha confermato il sostegno che la Camera di Commercio offre ai produttori biologici affinché possano migliorare la loro produzione e la loro posizione nel mercato, individuando partner e acquirenti esteri. Il settore ha una grande prospettiva di sviluppo in Serbia, mentre è condizionata anche dalla crescita nell’Europa dove la percentuale media della coltivazione biologica è pari al 6%. In Serbia questa percentuale è molto più bassa ed è pari a 0,44%. 

Secondo il capo del Centro per la produzione biologica della Camera di Commercio, la produzione e l’esportazione riguardano le materie prime. Comunque, l’esportazione cresce costantemente e, rispetto al 2012, è aumentata del 500%. Grazie alle condizioni climatiche e al terreno, i prodotti biologici possono essere uno dei fattori di sviluppo economico  e di miglioramento dell’immagine della Serbia nel mondo.

Secondo i dati del Ministero dell’agricultura e ambiente, nel 2015 la produzione biologica si estendeva per 15.298 ettari in Serbia. Rispetto al 2014 i terreni sotto la produzione biologica sono aumentati del 62%.Secondo i dati della Direzione delle dogane, nel 2015 sono stati esportati prodotti biologici per un valore totale di 19,6 milioni di euro, mentre si esporta di più in Germania, USA, Paesi Bassi, Belgio, Austria e Polonia.

(eKapija, 26.07.2016.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... agricoltura biologica, esportazione
Zelezara Smederevo: possibili attriti tra Hesteel e autorità

Giardini biologici e formazione: opportunità per occupazione femminile in Vojvodina

Chiudi