Produttori tradizionali: introdotte norme per la vendita sul mercato

I piccoli produttori di prodotti tradizionali di origine animale saranno in grado di registrare la produzione e venderla sul mercato dal 1° gennaio 2018.

Lo ha annunciato il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Branislav Nedimović a Sremska Mitrovica in occasione della presentazione delle norme sulla produzione e la vendita di piccoli quantitativi di prodotti tradizionali di origine animale, che contribuirebbero a risolvere il problema dell’ingresso legale dei prodotti sul mercato.

Il cibo prodotto da piccoli produttori è stato finora di alta qualità, ma non erano state previste norme per la regolarizzazione della sua produzione e vendita: “In questo modo, i produttori e trasformatori di latte e carne potranno lavorare con qualità in strutture dotate di caratteristiche che soddisfano tutti gli standard, che, anche se inferiori a quelle dei grandi produttori industriali, non rischieranno di compromettere la sicurezza alimentare”, ha dichiarato Nedimovic, aggiungendo che il regolamento è pienamente armonizzato con la legislazione dell’UE.

Inoltre, nel 2018, misure di sviluppo rurale forniranno assistenza per l’approvvigionamento di attrezzature per questi produttori e trasformatori, e tale sostegno finanziario sarà pari ad almeno il 50% del valore, e raggiungerà il 65% nelle aree devastate. I produttori avranno anche accesso ai fondi IPARD dell’UE e potranno ricevere sussidi per il marketing.

“I piccoli produttori e trasformatori saranno in grado di vendere i loro prodotti localmente sui mercati, alcuni saranno a disposizione dei mercati o alcuni prodotti potrebbero anche essere venduti in tutto il territorio della Serbia”, ha sottolineato Nedimovic. L’orientamento della politica contribuirebbe quindi allo sviluppo del turismo rurale, dando ai produttori la possibilità di commercializzare i propri prodotti sul posto. “La merce dei piccoli produttori registrati otterrà più facilmente un’indicazione geografica”, ha spiegato Nedimovic.

L’ordinanza ridurrà i costi e abbrevierà le procedure amministrative per la costruzione e la disposizione di strutture per la produzione e trasformazione dei prodotti alimentari, nonché per l’uso di strumenti tradizionali, materiali e procedure specifiche.

Nedimovic ha annunciato che l’anno prossimo verrà redatto un regolamento sulla produzione e la vendita di prodotti tradizionali a base di piante.

(b92, 19.12.2017)

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2017&mm=12&dd=19&nav_id=1337799

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in carne, prodotti alimentari
fiera cibo etnico
Cibo etnico: la Fiera a Belgrado, dal 22 al 25 novembre

tonnies
Tonnies in Serbia: troppi interrogativi senza risposta

Close