Privatizzazione Galenika: arriva lo stop del governo

Secondo una comunicazione diffusa sul sito governativo ufficiale, il governo serbo ha deciso di annullare la privatizzazione del colosso farmaceutico Galenika, su richiesta di un comitato che ha negoziato la vendita con l’unico offerente.

Il modello proposto per la privatizzazione Galenika era una partnership strategica, e la vendita di una quota del 25% al prezzo minimo di 7 milioni di euro.

Un consorzio britannico-russo, Frontier Pharma-Petrovax è risultato l’unico offerente, e l’affare è saltato a causa dei 70 milioni di euro di debito che l’azienda ha contratto con le banche.

La società farmaceutica di Belgrado deve inoltre 160 milioni di euro allo Stato, e il governo ha raccomandato ai creditori di non bloccare il conto della fabbrica, cioè, di raccogliere i loro debiti, fino al raggiungimento di un accordo definitivo con i creditori commerciali, e comunque non oltre il 31 marzo 2017.

Il Ministero dell’Economia ha preparato un nuovo modello per la privatizzazione di Galenika, che dovrebbe essere rilasciato a breve.

Ci sono stati diversi tentativi falliti di vendere l’azienda, presso la quale sono impiegate 1.400 persone.

(Beta, 12.03.2017)

http://beta.rs/en/56723-government-cancels-galenika-privatization 

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top