Prime misure per ridurre l’inquinamento in Serbia; sussidi per l’acquisto di auto elettriche, rimboschimenti…

Misure urgenti, che saranno prese al più presto per aiutare a ridurre l’inquinamento atmosferico nel Paese, sono state concordate nella prima riunione del gruppo di lavoro sulla protezione dell’aria in Serbia. La Premier Ana Brnabic ha indicato che il governo serbo sta già lavorando all’attuazione di nuove misure. Tra le priorità vi è l’adozione del piano nazionale di riduzione delle emissioni (NERP).

È stato convenuto di concedere sovvenzioni per l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi e, in questo contesto, di installare caricabatterie elettrici nei corridoi stradali. Tali caricabatterie esistono già nelle stazioni di pedaggio di Subotica, Sid, Dimitrovgrad, Presevo e Bubanj Potok e nei prossimi due mesi, al più tardi, dovrebbero essere installati in altri tre punti: al casello di Vrcin e due a Nis, al casello Nais.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Tra le priorità vi è anche il rimboschimento della Serbia; il Ministro Goran Trivan ha sottolineato che il processo è già in corso e che tutto è pronto per la piantagione di alberi nell’intero Paese.

Durante l’incontro è stato anche discusso il modo di convertire il maggior numero possibile di centrali termiche urbane da combustibili fossili, come olio combustibile e carbone, alle biomasse.

Il progetto “Promuovere l’uso di fonti di energia rinnovabile – Sviluppare il mercato della biomassa”, è già stato firmato in diverse città della Serbia.

Particolare enfasi è stata posta sulla situazione a Belgrado e sullo sviluppo del concetto di “smart city”.

All’incontro nell’edificio del governo hanno partecipato i ministri Zlatibor Loncar e Aleksandar Antic, il sindaco di Belgrado Zoran Radojicic, il direttore della polizia Vladimir Rebic, nonché i rappresentanti di istituzioni governative e istituzioni cittadine.

Secondo l’Agenzia per la protezione ambientale, la concentrazione di particelle è vicina ai valori medi per questo periodo dell’anno e non vi è motivo di preoccupazione.

https://www.ekapija.com/news/2759186/dogovoreni-hitni-koraci-za-smanjenje-zagadjenja-vazduha-u-srbiji-subvencije-za-elektricne

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Ana Brnabic, biomasse, Goran Trivan, Inquinamento
La Brnabic a Davos incontra i rappresentanti della “Siemens” e della “Philips”

Maschere contro l’inquinamento in vendita nelle farmacie

Close