Prestiti ancora più favorevoli per aiutare l’economia

Nella sessione straordinaria di ieri, il Comitato esecutivo della Banca nazionale della Serbia (NBS) ha adottato una decisione sull’integrazione dei tassi di interesse applicata dalla NBS nella procedura di conduzione della politica monetaria, la quale consente prestiti in dinari, concessi dalle banche ai clienti nell’ambito del sistema di garanzia (come misure a sostegno dell’economia per mitigare gli effetti della crisi della corona), ancora più favorevoli.

L’NBS pagherà il cosiddetto tasso di remunerazione a un tasso di interesse che è superiore di 0,50 punti percentuali al tasso di remunerazione standard, che viene pagato sull’ammontare delle riserve obbligatorie assegnate in dinari e che attualmente ammonta allo 0,10%.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La condizione per le banche di avere diritto a questo tasso “preferenziale” è di concedere ai propri clienti prestiti in dinari dal sistema di garanzia a un tasso di interesse inferiore di almeno 0,50 punti percentuali al tasso di interesse massimo prescritto dal regolamento per i prestiti approvati in dinari (1 M BELIBOR + 2,5 punti percentuali).

In questo modo, la NBS compenserà le banche per la riduzione del tasso di interesse per un importo di 0,50 punti percentuali e, conformemente alle loro politiche commerciali, le banche saranno in grado di approvarli a condizioni più favorevoli.

Le banche saranno obbligate a riferire all’NBS l’importo dei prestiti del sistema di garanzia che concedono con uno sconto, nonché i tassi di interesse su tali prestiti, cosa che assicurerà il controllo sul funzionamento di questo meccanismo.

https://www.021.rs/story/Info/Biznis-i-ekonomija/248741/NBS-Doneta-odluka-koja-omogucava-da-krediti-za-podrsku-privredi-budu-povoljniji.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in NBS, politica monetaria, Prestiti
Secondo la “NBS” sarà un autunno economico turbolente

Secondo gli economisti non ci sono soldi nelle casse statali per salari più alti

Close