Presentato il pacchetto economico per aiutare l’economia serba

Il Presidente serbo Aleksandar Vucic sostiene che oltre cinque miliardi di euro sono raggruppati nel pacchetto di recupero per l’economia serba colpita dal coronavirus, e annuncia che i salari minimi saranno assicurati alle piccole e medie imprese per tre mesi. Si valuta inoltre l’assistenza a ogni cittadino adulto con un importo pari a 100 euro.

Vucic ha dichiarato alla tv “Prva” che il suo programma aiuterà l’economia, sia le piccole e medie imprese che le grandi aziende, e i responsabili economici stanno anche valutando come aiutare in particolare i più “piccoli”, cioè gli agricoltori o i produttori di latte.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Inoltre, Vucic ha annunciato un supporto speciale all’industria della ricezione e all’industria alberghiera. Allo stesso tempo, non vi sarà alcuna riduzione dei salari del settore pubblico, così come delle pensioni, perché, dice, “ci stavamo preparando per qualcosa di simile”.

Lo stesso Presidente ha sottolineato che lo Stato ha stanziato 700 milioni di euro per sostenere le microimprese e le piccole imprese al fine di mantenere le imprese a galla dopo la crisi, e tutte le aziende che non hanno licenziato più del 10% dei lavoratori riceveranno un incentivo, mentre tutti coloro che hanno assunto del personale saranno premiati.

“A tutti gli imprenditori, le microimprese e le piccole imprese, anche se l’intera crisi non durerà così tanto, pagheremo il minimo sindacale per tre mesi; a ogni imprenditore, parrucchiere, calzolaio, fornaio, tassista, tutti senza eccezioni e a ciascuno dei loro dipendenti”.

Il pagamento non inizierà dopo la fine dello stato di emergenza, ma tra un mese, poiché lo Stato ha bisogno di due mesi per vedere se i lavoratori sono stati licenziati o meno. Se qualcuno ha licenziato dei lavoratori e li riassume, verrà comunque pagato.

Dice che tutti gli imprenditori in questo momento sono in difficoltà, ma avranno il minimo sindacale per se stessi e i loro dipendenti e che il pagamento di tasse e contributi per il prossimo anno sarà ritardato, così come l’anticipo dell’imposta sui profitti per il prossimo anno.

La seconda misura, afferma Vucic, è necessaria per la liquidità e per assicurare parte della solvibilità delle medie imprese, e in particolare di quelle piccole e micro; si tratta di un fondo di garanzia attraverso il quale le banche inietteranno due miliardi di euro nel sistema.

“Le banche dovranno investire nel sistema due miliardi di euro; di questa somma ci assumiamo la responsabilità tra i 480 milioni e i 600 milioni, più circa 550 milioni da negoziare con le banche, cioè un miliardo e 250 milioni per finanziare i piccoli. Perché le banche direbbero che solo chi arriva per un nuovo prestito può essere finanziato”, ha detto Vucic.

“Una parte di quei due miliardi andrà persa, perché gli imprenditori non la useranno nel modo migliore. Vogliamo spingere più denaro nell’economia”, ha detto Vucic. L’accordo con le banche sta per concludersi e il governatore e il Ministro delle finanze hanno già parlato con le associazioni bancarie.

“Il nostro Fondo di sviluppo non ha la capacità di trovare clienti, ci sono banche che fanno questo lavoro molto meglio del Fondo di sviluppo. Quindi ci saranno altri 200 milioni di euro da investire alle migliori condizioni possibili in modo che i prestiti non superino l’1%, concedendo un periodo di grazia” ha concluso Vucic.

https://www.rts.rs/page/stories/sr/%D0%9A%D0%BE%D1%80%D0%BE%D0%BD%D0%B0%D0%B2%D0%B8%D1%80%D1%83%D1%81/story/3178/ekonomija-i-epidemija/3906165/drzava-mere-firme-pomoc-gradjani.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, coronavirus, economia serba, imprenditori
Nuovi 82 casi di coronavirus in Serbia, 741 in totale

Cancellate decine di migliaia di pernottamenti a causa della pandemia; danni per milioni di euro

Close