Presentata a Kragujevac la FIAT 500L Living

Fiat Automobili Serbia (FAS) ha presentato oggi nella fabbrica di Kragujevac il più recente modello, la FIAT 500L Living a cinque e sette posti, e la FIAT 500L Trekking. Il prezzo iniziale della 500L Living con cinque posti e motore diesel sarà di 13.650 euro, mentre per il modello più economico di 500L Trekking con motore a benzina bisognerà pagare 13.900 euro

Ricordando che esattamente un anno fa a Kragujevac è iniziata la produzione della 500L, il direttore generale di FAS, Antonio Cesare Ferrara, ha detto che, ad oggi, sono state esportate 80.000 unità di questo modello. “Siamo orgogliosi di produrre un’automobile che unisce passato e presente, Italia e Serbia”, ha detto Ferrara, aggiungendo che la 500L Living è un’auto compatta con cinque più due sedili, la quale verrà prodotta solo a Kragujevac. Il nuovo Ambasciatore italiano in Serbia, Giuseppe Manzo, per la prima volta ha visitato la fabbrica e ha espresso l’idea che Kragujevac e FAS mostrano chiaramente perché molte compagnie vengono a investire in Serbia: “Qui trovano nuove opportunità di penetrazione nei Paesi in via di sviluppo, oltre alla crescita di questo Paese. Molti non sanno nemmeno che 500 compagnie italiane, che lavorano in Serbia con FIAT in testa, rendono l’Italia il socio principale e il più grande investitore straniero in Serbia”, ha detto Manzo. Il direttore commerciale di FAS, Jerry Clark, ha dichiarato che la 500L Living è un’auto familiare, della lunghezza di 4,35 metri e con 630 litri di capacità del baule, la quale si distingue per l’eccezionale comodità, lo spazio e la capacità di carico. Clark ha fatto sapere che si tratta di un’auto di classe media e di essere personalmente molto orgoglioso del fatto che la 500L ha ottenuto il riconoscimento internazionale dell’organizzazione EuroNCAP per il moderno sistema di sicurezza adottato, il City Brake Control.

(B92.net, 04.07.2013)

Share this post

scroll to top
Read previous post:
Il dinaro continua a calare: un altro intervento della NBS
I minatori della Resavica contro la privatizzazione: minaccia di sciopero
Close