Più ottimista la Banca Mondiale: calo del PIL serbo nel 2020 del 3%

La Banca Mondiale aveva previsto migliori prospettive per la Serbia per il 2020, e nel rapporto aggiornato di ottobre sulle proiezioni economiche dei Paesi del mondo durante la pandemia da COVID-19, ha corretto, riducendolo, il calo del PIL del Paese balcanico dal 3,5 al 3%.

Per quanto riguarda le economie circostanti, per fare un confronto, la stessa Banca stima che il calo maggiore quest’anno sarà in Montenegro, fino al -12,4%, e in Kosovo -8,8%.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Per l’Albania si prevede un calo dell’8,4%, in Croazia dell’8,1%, in Romania del 5,7, in Bulgaria del 5,1, in Macedonia del Nord del 4,1 e in Bosnia ed Erzegovina del 3,2%.

La Banca Mondiale afferma che anche l’economia serba, dopo diversi anni di solida crescita, è entrata in recessione a causa della pandemia che ha paralizzato le economie di tutto il mondo. L’impatto negativo immediato sulla popolazione e sull’economia è stato mitigato da un ampio pacchetto fiscale di circa il 13% del PIL.

Si aggiunge che grazie a quel pacchetto di misure non si è registrato un aumento significativo della disoccupazione e che il calo del PIL nel secondo trimestre del 6,4% su base annua è stato inferiore a quello dei Paesi vicini.

Per il prossimo anno, la Banca Mondiale prevede una crescita più moderata dell’economia serba a un tasso del 2,9%, o dell’1,1% più lento rispetto alla proiezione di giugno, e allo stesso tempo ci si aspetta che la crescita del PIL torni ai livelli pre-pandemici nel 2022-23.

Questa prospettiva a medio termine, secondo il rapporto, dipende in modo cruciale dagli sviluppi internazionali, compreso l’andamento del virus, ma anche dal ritmo delle riforme strutturali e dagli sviluppi politici.

Secondo la Banca, la cosa più importante per la Serbia è continuare a lavorare per appianare le strozzature che impediscono la crescita del settore privato, ovvero rimuovere gli ostacoli a un migliore contesto imprenditoriale e ridurre la burocrazia.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/nove-prognoze-za-privredu-srbije-svetska-banka-optimisticnija-je-za-nasu-zemlju-ali/zq3hgr2

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Banca Mondiale, covid-19, PIL
1,61 miliardi di euro di investimenti diretti esteri in Serbia nei primi sette mesi del 2020

PIL
Il PIL della Serbia nel 2019 è stato del 6,8% superiore rispetto al 2018

Close