PIL in caduta libera; mai così male dalla seconda guerra mondiale

La caporedattrice della rivista “Biznis i Ekonometar”, Radojka Nikolić, ha affermato che la caduta del PIL quest’anno a livello globale sarà del 6% e dell’8,7% per l’UE. La Serbia è più colpita nel settore dell’industria meccanica e automobilistica, del turismo e del traffico, ha confermato la Nikolic ospite a “RTS”.

La Commissione europea prevede che nel secondo trimestre di quest’anno l’economia europea subirà il declino più pesante dalla seconda guerra mondiale. Radojka Nikolić ha affermato che il declino è stato subito avvertito ovunque, anche in Serbia, e le previsioni fatte dalla Commissione europea e dal FMI confermano la tendenza.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Secondo lei, questo è il calo più grande del PIL mondiale, oltre a quello europeo, dalla seconda guerra mondiale. Dice che la caduta di quest’anno a livello mondiale sarà pari al 6% e dell’8,7 per l’UE.

“Si tratta di un enorme terremoto anche se si guarda all’anno prossimo; la crescita prevista dal 4 al 6% non toglierà il segno meno, quindi il ritorno al livello dal 2019, considerato come un successo, è previsto solo nel 2022”, ha sottolineato la Nikolić.

“Perderemo due anni, il che è un male per delle economie sottosviluppate come la nostra”.

L’esperta sottolinea che la scossa si avverte più nel turismo e nel traffico, nelle compagnie petrolifere. “Se guardiamo più in là l’industria meccanica e delle automobili è la parte in cui siamo più colpiti perché tra gli esportatori ci sono le acciaierie di Smederevo e la Fiat”.

L’elenco dei 10 esportatori più importanti comprende tutte società straniere che operano in Serbia, tranne la “Petrohemija”. La Nikolic ha aggiunto che queste dipendono dalle società madri.

Ricorda che le acciaierie hanno già chiuso una fornace perché non c’è richiesta di acciaio e produrranno di meno, mentre solo alcuni lavoratori della Fiat sono tornati al loro posto di lavoro.

“Il quadro è pessimo, il futuro economico non è eccezionale per quest’anno e la ripresa non sarà in grado di compensare ciò che abbiamo perso”, ha continuato la caporedattrice del mensile.

Parlando degli aiuto di Stato, la stessa ha affermato che il governo ha adottato delle misure per contribuire a pagare il minimo salariale e che l’essenza era mantenere la liquidità delle società, per avere denaro negli affari.

Ritiene che sarebbe utile che i settori più colpiti avessero ancora più aiuti e stima il Paese si indebiterà ancora per 7 miliardi di euro, senza contare che il debito pubblico è in aumento e i risparmi di prima sono stati annullati.

“Tutti i Paesi del mondo stanno prendendo dei prestiti, è l’unico modo: prendere un prestito e mantenere la produzione in quel modo”, ha concluso.

https://www.kamatica.com/vest/ceka-nas-kriza-pa-se-postavlja-pitanje-gde-smo-najtanji/62138

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in debito, industria automobilistica, PIL, Seconda Guerra Mondiale
Investimenti diretti esteri in calo in Serbia

Le stime della caduta del PIL dal 5 a oltre il 10%

Close