Pihtijada di Rumenka rinviato per rischio anatema

Il Pihtijada, festival di pietanze aspic, tradizionalmente ospitato a Rumenka, nei pressi di Novi Sad, è stato rinviato dopo un avviso emesso dalla Chiesa ortodossa serba (SPC).

Il Vescovo di Backa Irinej ha “minacciato che gli organizzatori di Pihtijada sarebbero stati colpiti da anatema dalla Chiesa, e che campane a morte sarebbero state suonate per loro”, ha riportato il quotidiano di Belgrado Blic, se avessero persistito nella loro decisione di tenere l'”incontro pagano” in concomitanza della Grande Quaresima di Pasqua, in occasione della quale i credenti ortodossi si astengono dal mangiare carne e altri prodotti animali.

Il vescovo ha anche dichiarato gli organizzatori della manifestazione, soprannominata Pihtijada dalla parola serba per aspic, avrebbero poi potuto beneficiare di un unico servizio da parte della Chiesa, vale a dire il battesimo dei loro figli, “che non sono da biasimare per il peccato e la follia dei loro genitori”.

L’organizzatore Branislav Popovic ha spiegato al giornale non quest’anno potrebbe non esserci un Pihtijada “perchè sarà troppo caldo dopo Pasqua”, mentre prima di Pasqua il clima, troppo freddo, avrebbe reso ardua la partecipazione al festival.

“Avrebbero dovuto esserci un centinaio di partecipanti provenienti da tutte le parti della Serbia e della regione, non volevo che la gente assistesse ai nostri litigi interni. La pressione è stata enorme e abbiamo rinunciato”, ha dichiarato Popovic, il cui evento, come osserva Blic, “detiene il Guinness per l’aspic più lungo”.

“I sacerdoti hanno voce in tutto, quindi sarebbe giunto il momento che prendessero anche parte alle elezioni”, sembra abbia commentato Popovic.

Un altro festival di carne a tema (Kulenijada, dal nome di un tipo di salsiccia), previsto nella provincia settentrionale della Serbia della Vojvodina è stata rinviato.

L’organizzatore, l’Organizzazione turistica nella città di Bac, ha dichiarato che l’evento si terrà dopo Pasqua. “Non abbiamo avuto problemi con la Chiesa, né qualcuno ha scritto per noi, abbiamo preso autonomamente la decisione”, hanno commentato.

(b92, 06.03.2017)

http://www.b92.net/eng/news/society.php?yyyy=2017&mm=03&dd=06&nav_id=100682 

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in chiesa ortodossa serba
Possibile visita di Papa Francesco in Serbia

Oggi il Consiglio esecutivo dell’UNESCO decide sulla candidatura del Kosovo. La lettera di Vucic a riguardo.

Close