Phoenix Group apre un centro di distribuzione e logistica in Serbia

La società tedesca Phoenix Group aprirà un centro logistico per la regione dei Balcani occidentali nella zona industriale di Simanovci: dopo Praga e Varsavia, Belgrado è il terzo centro logistico regionale di questa azienda leader nel settore farmaceutico europeo e della distribuzione dei prodotti medicinali.

Il centro logistico sarà ufficialmente inaugurato dall’Amministratore delegato di Phoenix Group, Oliver Windholz, alla presenza del Presidente della Camera di commercio serba, Marko Cadez, e del Ministro serbo della Sanità, Zlatibor Loncar.

Il centro di distribuzione della società a Belgrado si estende su oltre 10.000 metri quadrati, con 7.000 metri quadrati destinati allo stoccaggio, e la sua costruzione è costata 3 milioni di euro. Da qui, l’azienda fornirà prodotti alla Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Albania, Montenegro, Serbia e Kosovo, per un totale di oltre 18 milioni di consumatori. L’impianto presso Simanovci servirà anche come magazzino di sdoganamento per 15 tra le più grandi società di produzione europee.

L’apertura di questo centro di distribuzione/logistica è parte del progetto del Gruppo Phoenix chiamato “Il ponte tra l’Europa centrale e orientale” e del nuovo capitolo dal titolo “Modello di servizio di distribuzione regionale”. Phoenix Group ha sede a Manheim e opera in 26 paesi in Europa. Ha più di 150 centri di distrubuzione e 2.000 farmacie. La società impiega 34.000 dipendenti e distribuisce 260 milioni di pacchetti per medicazioni per oltre 120 milioni di consumatori.

Nella regione dei Balcani occidentali, la società opera con il nome di Phoenix Pharma ed possiede 200 farmacie proprie, collaborando con 600 farmacie partner. Impiega 2.000 persone (1.300 nel solo la Serbia), e il suo fatturato annuo è di circa 470 milioni di euro.

(eKapija, 27.03.2017)

http://www.ekapija.com/website/sr/page/1710688/Nema%C4%8Dka-Phoenix-Group-28-marta-otvara-regionalni-centar-za-Zapadni-Balkan-u-%C5%A0imanovcima

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Germania
Grammer AG espande la produzione a Aleksinac: 450 nuovi posti di lavoro

Vucic: UE lanci un chiaro messaggio ai Balcani occidentali sull’adesione

Close