Perle dall’archivio della Cineteca serba ora su YouTube

È stato annunciato che i materiali provenienti dagli archivi della Cineteca Jugoslava dal 3 aprile saranno disponibili su YouTube. Secondo il sito ufficiale della Cineteca, tutti i visitatori interessati potranno vedere i filmati selezionati dal ricco archivio.

“Cerchiamo di stare al passo con i tempi, consapevoli  che il 21° secolo impone nuove forme di comunicazione, usiamo tecnologie moderne e nello spirito di apertura della Cineteca verso il pubblico incontriamo nuove esigenze e abitudini”, ha dichiarato in questa occasione il direttore della Cineteca Jugoslav Pantelic per il quotidiano “Blic “. Nel primo “pacchetto” di 60 filmati ci saranno immagini che riguardano la storia, l’etnologia e la cultura. Pantelic è fiducioso che questa mossa potrebbe attirare un ampio pubblico, sia dall’Europa che da tutto il mondo.

Questi filmati saranno selezionati dal direttore dell’Archivio del Cinema Aleksandar  Sasa Erdeljanovic. “Per il momento, sono materiali documentari del periodo fino al 1945, su cui la Cineteca jugoslava ha i diritti. Abbiamo deciso di creare 60 filmati per l’inizio e, in futuro, il nostro sito sarà costantemente aggiornato.  Ogni mese, cercheremo di aggiungere nuovi video clip dal ricco patrimonio dell’Archivio”, ha detto Erdeljanovic.

I filmati durano circa cinque minuti, ciascuno seguito da una breve descrizione testuale o identificazione in serbo e in inglese.

Erdeljanovic ha annunciato che alcune parti dei documentari “Sotto il cielo jugoslavo”, “I monasteri medievali in Serbia”, “Belgrado 1930” e “Belgrado 1919”, “Il circo Kludski a Novi Sad”  e la “Celebrazione dell’anniversario di Svetozar Miletic “saranno disponibili agli spettatori su YouTube,.

Jugoslav Pantelic aggiunge anche che per la selezione del materiale verranno considerati  anche eventi d’attualità.

(https://www.blic.rs/kultura/vesti/biseri-iz-fonda-kinoteke-na-jutjubu/cm3sk26 )

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
“La Fiat non produce per il magazzino, da domani di nuovo 410 automobili al giorno”

La TAFE indiana compra i trattori serbi

Close