Perché i rifugiati sono bloccati in Serbia

L’Ungheria ha ribadito la sua intenzione di non aprire le sue frontiere, mentre in Serbia la situazione per i rifugiati, che non vengono ospitati in centri di accoglienza, rimane estremamente difficile.

In un’intervista rilasciata alla rivista tedesca Welt, il Ministro degli Esteri ungherese, Péter Szíjjártó, ha criticato la Germania per la sua intenzione di estendere il controllo più severo dei suoi confini, previsto inizialmente fino al mese di febbraio e stabilito a causa del flusso di rifugiati che entravano nel paese. Szíjjártó ha anche sottolineato quanto questo sia dannoso per l’economia ungherese.

Tuttavia, nonostante la situazione piuttosto drammatica in cui versano i rifugiati al confine tra Serbia ed Ungheria, Szíjjártó ribadisce che l’Ungheria resta coerente con il proprio rifiuto di aprire i suoi confini.

“Se vogliono ricevere un aiuto veloce, i rifugiati hanno bisogno di registrarsi e recarsi nei centri di accoglienza in Serbia. Molti hanno scelto di non farlo perché il loro obiettivo finale è quello di inoltrare richiesta di asilo in altri paesi. Non possiamo considerare il passaggio di una massa di persone attraverso paesi sicuri che vuole scegliere in quale paese vivere come un diritto umano fondamentale. L’Ungheria è sempre stata chiara su questo. Non consentiremo il passaggio illegale attraverso il nostro paese”, ha sottolineato il Ministro degli Esteri ungherese.

Nel 2016, 29.430 migranti hanno inoltrato la domanda di asilo in Ungheria, mentre la maggior parte ha proseguito il viaggio verso l’Europa occidentale. Secondo i dati ufficiali, solo 467 migranti sono stati ospitati in centri di accoglienza in Ungheria a dicembre 2016.

Attualmente ci sono 7.600 rifugiati in Serbia, e solo per 6.000 persone vi è una sistemazione, con priorità per donne e bambini.

Secondo Europol, la Serbia è il centro principale per il traffico di esseri umani sulla rotta dei Balcani, ora chiusa. Da quando i confini sono stati ufficialmente chiusi, bande criminali ben organizzate si sono lanciate nel contrabbando di rifugiati verso l’Austria e la Germania. Molti rifugiati sono sprovvisti delle risorse economiche per far fronte al resto del loro viaggio e vengono quindi abbandonati lì dai contrabbandieri.

(Deutsche Welle, 14/01/2017)

http://www.dw.com/sr/za%C5%A1to-su-se-izbeglice-nasukale-u-srbiji/a-37134681

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top