Perché l’aumento del prezzo del test PCR da 6000 a 9000 dinari?

“L’aumento del prezzo del test PCR da 6000 a 9000 dinari non ha una spiegazione razionale, come molte cose in questa pandemia”, ha detto Oliver Stojković, professore alla Facoltà di Medicina e genetista.

“L’aumento del prezzo del 50% non ha alcuna giustificazione economica, tenendo presente che si tratta di test che all’inizio della pandemia costavano circa 10 euro e ora il loro prezzo è sceso a 5 euro a test. Vi parlo dei prezzi ai quali noi, come Facoltà, ad esempio, ci siamo procurati quei test. Ora, non c’è giustificazione economica per l’aumento del prezzo di quel servizio”, ha sottolineato Stojković.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ha stimato che il prezzo precedente di 6000 dinari per il test PCR era già alto, e tenendo conto di tutti i costi della persona che esegue il test, quel test costa doveva costare dai 3 ai 4000 dinari.

Ha sottolineato che il motivo potrebbe essere il fatto che il registratore di cassa del Fondo Sanitario Nazionale (RFZO) è vuoto e che questo è un modo per riempirlo.

“In che modo il Fondo addebita i test ai cittadini quando questi pagano i contributi allo stesso in anticipo?. In nessun Paese ci sono questi fondi e non dovrebbero addebitare ai cittadini questi servizi in questo modo. Abbiamo comprato quei prodotti e quei test con i nostri soldi, e ora il “RFZO” ce li vende”, ha avvertito.

Il fatto che si tratti di test su richiesta potrebbe essere una giustificazione, perché secondo lui, il “RFZO” ha delegato ad alcune altre istituzioni o laboratori privati ​​di eseguire tali test.

Stojković ha avvertito che molti cittadini, che avevano sintomi e quindi diritto a test gratuiti, hanno pagato di tasca propria per il PCR in modo che altri pazienti non dovessero aspettare in fila per diverse ore davanti alle cliniche COVID.

“Considerando che la salute non ha prezzo, hanno scelto di pagare per essere esaminati anche se hanno un’assicurazione sanitaria”, ha spiegato.

Parlando del numero di testati e infetti in Serbia, Stojković ha sottolineato che è da tempo chiaro a tutti che i dati ufficialmente annunciati non hanno nulla a che fare con la realtà e ha stimato che la quota di test PCR sul numero totale di test giornalieri sia di circa il 30%.

Genetičar o poskupljenju PCR testiranja: Realna cena je 3.000 RSD

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top