Per la prima miniera d’oro in Serbia necessari 177 milioni di dollari

Secondo le prime valutazioni economiche che per il Progetto dell’oro Timok ha condotto la società indipendente AMEC di Perth in Australia, per aprire la prima miniera d’oro in Serbia, all’interno della montagna Crni Vrh, tra le municipalità di Bor e di Zagubica, bisognerebbe investire 177 milioni di dollari. Utilizzando la tecnolgia standard della flottazione, annualmente si potrebbero ottenere 2,5 tonellate di oro. Nella miniera potrebbero essere impiegate 250 persone.

Inoltre, anche i risultati preliminari della società Avala Resources, che si occupa delle ricerche geologiche, la quale dal 2010 ha investito più di 160 milioni di dollari nella ricerca delle miniere di oro nella montagna Crni Vrh, mostrano che esiste la possibilità per la messa in funzione della prima miniera dell’oro in Serbia. Secondo i risultati nelle località Bigar Hill, Korkan e Kraki Pester si trovano 72 tonellate dell’oro.

’’Si valuta che per questo potenziale investimento ci sarà bisogno di 177 milioni di dollari. Attraverso la rendita mineraria lo Stato serbo potrebbe ottenere 38 milioni di dollari, e in più offrire il lavoro a 250 persone’’, hanno comunicato dall’Avala Risources, aggiungendo che il progetto prevede inoltre due anni di investimento nell’infrastruttura, dopo l’ottenimento di tutte le concessioni necessarie e  regolative relative alla protezione dell’ambiente.

(Novi Magazin, 22.06.2014)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top