Per gli epidemiologi nessun dilemma sulla revoca dello stato di emergenza

Darija Kisic Tepavcevic, vicedirettrice dell’Istituto “Batut”, alla domanda se la politica abbia avuto un impatto sulla decisione di porre fine allo stato di emergenza, ha detto che non esistono compromessi quando si tratta della salute e che tutte le decisioni professionali sono state “unanimi e uniformi”. L’epidemiologo Predrag Kon ha aggiunto di non avere dubbi sulla revoca dello stato di emergenza.

“Abbiamo trovato un compromesso per le vacanze del Primo Maggio, quando abbiamo avuto uno scambio di opinioni, ma alla fine eravamo tutti d’accordo anche lì. Non è stato necessario per questa decisione finale perché è chiaro il declino dell’attività dei virus”, ha detto Kon nella conferenza stampa.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ha sottolineato che l’obiettivo non è mantenere lo stato di emergenza, ma tornare a una vita normale.

La Tepavcevic ha affermato che anche dopo la revoca dello stato di emergenza sarà comunque attiva una sorveglianza epidemiologica.

Rispondendo alla domanda sulle apparizioni pubbliche del pneumologo Branimir Nestorović e sul fatto che spesso esprime opinioni diverse dalle loro, la Tepavčević ha affermato che non pensa che le sue siano opinioni opposte.

“Sono opinioni di un medico esperto, dal suo punto di vista. Le nostre guardano più al lato preventivo e sono in qualche modo diverse, ma in nessun modo contrastanti”, ha detto.

Kon ha aggiunto che un epidemiologo non può dire che l’epidemia è finita quando ci sono ancora 114 contagiati in un giorno.

“Il medico può. L’epidemiologo non deve raccomandare l’infezione in nessuna occasione”, ha continuato Kon, il quale ritiene che teorizzare sulla questione non sia accettabile davanti all’opinione pubblica.

“Qualcuno può prendere sul serio la cosa, andare fuori tranquillo, farsi infettare e forse prendere qualche forma più seria del virus”.

La Kisic Tepavcevic ha affermato che se il virus sopravvive all’estate è certo che la “seconda ondata” arriverà in autunno, ma che “sia lo Stato che gli individui sono pronti”.

“Il virus non si presenterà mai più in questa forma, mai più in questa misura. Speriamo di tradurlo in una forma innocua che provochi lievi raffreddori o forme asintomatiche della malattia”, ha concluso la direttrice.

http://rs.n1info.com/Vesti/a596609/Darija-Kisic-Tepavcevic-i-Predrag-Kon-o-ukidanju-vanrednog-stanja.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Darija Kisic Tepavcevic, Predrag Kon
Kisic: “Vediamo la fine della diffusione della malattia”

Sono 91 le città in Serbia ancora non raggiunte dal virus

Chiudi