Penev: “Il futuro demografico della Serbia è incerto”

Il demografo Goran Penev ha affermato che il futuro demografico della Serbia è incerto, sia in termini di mortalità che di fertilità della popolazione, sia in termini di intensità e direzione dei movimenti migratori.

In un’intervista per il settimanale “Novi Magazin”, Penev ha affermato che è certo che i migranti dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina andranno in Serbia sempre di più per vivere e lavorare e si aspetta che la struttura nazionale della popolazione serba cambierà nei prossimi decenni.

“I risultati delle ultime proiezioni demografiche indicano che nei prossimi decenni possiamo aspettarci un’ulteriore diminuzione della popolazione della Serbia e un suo invecchiamento ancora più intenso. Pertanto, nel 2061, la popolazione sarebbe significativamente inferiore a quella del 2021. A seconda dell’ipotesi adottata sull’andamento della fertilità (il numero di nascite per donna di età compresa tra 15 e 49 anni), la popolazione sarebbe di 5 milioni, se “la fertilità fosse di 1,3 bambini per donna, fino a 6,2 milioni, se la fertilità fosse di 2,1 figli per donna, il che è quasi impossibile al momento”, ha affermato il demografo.

Lo stesso ha detto che la quota di persone sopra i 65 anni nella popolazione sarebbe del 27,3-34%, mentre la quota di persone sotto i 15 anni scenderebbe al 10,5-17,5%.

“Ora ci sono 980.332 giovani di età inferiore ai 14 anni, ovvero il 14,3% della popolazione totale, mentre ci sono ben 1.460.603 persone di età superiore ai 65 anni, che rappresentano il 21,3% della popolazione. 30 anni fa, c’erano 1.449.913 o il 19,4% dei giovani sotto i 14 anni e 892.977, o l’11,9% della popolazione, di età superiore ai 65 anni”, ha affermato Penev.

Negli ultimi 10 anni circa 300.000 persone hanno lasciato la Serbia, mentre 150.000 sono arrivate.

“Si presume che entro il 2030 ci sarà un rallentamento delle partenze dalla Serbia e che successivamente la Serbia diventerà un Paese di immigrazione. Si prevede che tra dieci anni la Serbia diventerà attraente per i migranti provenienti dai Paesi asiatici e africani, nonché per i migranti dall’America Latina”.

Novi magazin: Demografska budućnost Srbije neizvesna

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top