In Serbia i pedaggi non saliranno

Il governo serbo non ha dato il permesso alle “Putevi Srbije” di aumentare il prezzo dei pedaggi del 10 per cento, viene riportato da “Vecernje Novosti”.

Come è stato annunciato, la nuova tariffazione avrebbe dovuto iniziare ad essere attuata a partire dall’inizio di febbraio.  Il consiglio di sorveglianza della società “Putevi Srbije” ha inviato unaa proposta al governo della Serbia nel mese di gennaio. Cosi da Belgrado a Nis gli automobilisti avrebbero dovuto pagare 800 dinari invece di 730 dinari.

Zoran Drobnjak, direttore ad interim di “Putevi Srbije”, ha detto che i pedaggi non sono stati modificati dal febbraio 2008, ma che nel frattempo sono aumentati i prezzi delle materie usate, dei prodotti energetici e delle attrezzature utilizzate per la manutenzione delle strade e dei tratti stradali.

“Non abbiamo ancora ricevuto il permesso di correggere i prezzi, l’avevamo programmato da febbraio, ma speriamo che il nostro premier approverà l’aumento dei prezzi nei prossimi mesi”, viene detto da Drobnjak per il giornale “Novosti”.

Egli ha sottolineato che la Serbia, rispetto ad altri paesi europei, ha il prezzo più basso di pedaggio per le autovetture.

(B92, 24.02.2016)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top