Patrushev incontra Stefanovic per rafforzare alleanza Russia-Serbia

L’agenzia di stampa statunitense Associated Press ha stilato una relazione  sulla visita in Serbia da parte di Nikolai Patrushev, capo del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa, sottolineando che la Serbia “rimane tra i rari alleati del Cremlino in Europa”.

Secondo il rapporto, “l’alto funzionario della sicurezza della Russia ha sollecitato una più stretta cooperazione da parte della Serbia, nel tentativo di potenziare l’influenza che Mosca esercita nel paese balcanico, che, nel frattempo, intende aderire all’Unione Europea”. L’agenzia rileva inoltre che la Serbia, una “speranza europea”, tuttavia, “ha rifiutato di aderire alle sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia”, nazione slava ed ortodossa percepita storicamente come alleata.

Nel frattempo, Patrushev, viene descritto come “segretario del Consiglio di sicurezza del presidente Vladimir Putin” e uomo convinto di essere uno dei più influenti collaboratori di Putin. L’agenzia di stampa ha riferito inoltre che, durante il suo incontro con il Ministro degli Interni serbo Nebojsa Stefanovic, Patrushev ha invitato la Serbia a firmare “un protocollo d’intesa” nel 2017, e ha sottolineato che la Russia già firmato tali documenti con i suoi partner più “fidati”.

Secondo la AP, Stefanovic da parte sua ha assicurato l’esistenza di uno “spazio per il rafforzamento dei rapporti tra i due paesi”.

(b92, 26.10.2016)

http://www.b92.net/eng/news/politics.php?yyyy=2016&mm=10&dd=26&nav_id=99520

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in adesione UE, Russia
Negoziati adesione UE: no all’apertura del capitolo 5 entro fine mese
Latte: il 50% della produzione in Serbia non soddisfa standard qualitativi UE
Close