Parata dell’orgoglio LGBT a Belgrado senza incidenti

Circa 1000 i partecipanti all’edizione 2016 della parata dell’orgoglio delle persone lesbiche, gay, bisex e transessuali questa mattina a Belgrado.

poliziottiUn apparato di sicurezza che ha coinvolto oltre 5.000 agenti di polizia, con la collaborazione di un contingente di colleghi svedesi, ha garantito che la manifestazione dell’orgoglio LGBT, che si è snodata da piazza Slavija a piazza della Repubblica, si svolgesse senza incidenti di rilievo.

popiMinime le contestazioni. Davanti alla chiesa di San Marco un gruppo di persone ha esposto uno striscione con la scritta “Mai la vergogna omossessuale in pubblico”. Risultano comunque fermate circa 10 persone. Il ministro dell’interno Nebojsa Stefanovic ha rifiutato di autorizzare due manifestazioni dei gruppi politici “I nostri” e “Dveri” davanti alla sede del governo e del quartiere centrale del partito del progresso serbo.

parada 2016Molte le personalità pubbliche e i rappresentanti delle delegazioni diplomatiche che hanno preso parte alla parata dell’orgoglio LGBT. Il sindaco di Belgrado Sinisa Mali ha messo a disposizione 250 poliziotti comunali e ha dichiarato che la capitale serba condivide i principi di civiltà europei e che è molto importante che la principale città del paese cambi in tal senso. Il ministro della pubblica amministrazione e delle autonomie locali Ana Brnabic, primo ministro nella storia del paese a dichiararsi pubblicamente gay, ha sottolineato che è importante che per il terzo anno consecutivo partecipano alla parata ministri del governo in carica: “Le richieste della comunità LGBT non sono una priorità del governo ma sono comunque importanti”. parada happyTra i partecipanti il capo della delegazione Ue in Serbia Michael Davenport, l’ambasciatore italiano Giuseppe Manzo, l’ambasciatore inglese Denis Kiefe, i leader del partito democratico e del partito liberaldemocratico Bojan Pajtic e Cedomir Jovanovic, l’europarlamentare Tanja Fajlon, la presidente del comitato parlamentare per l’integrazione europea Marinika Tepic, la deputata DS Gordana Comic, la capo negoziatrice con l’Ue Tanja Miscevic, l’attrice e attivista civica Mirjana Karanovic, gli ex ministri Ivan Tasovac e Kori Udovicki.

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top