Paradisi fiscali: l’UE potrebbe inserire la Serbia nella lista nera

Il mese prossimo l’Unione europea potrebbe inserire nella lista nera la Turchia come paradiso fiscale, oltre a 36 altri paesi tra cui Serbia, Armenia e le Isole Cook: lo riferisce Bloomberg, dopo aver preso visione dei documenti dell’UE.

Un gruppo di lavoro UE con il compito di monitorare “giurisdizioni non cooperative ai fini fiscali” ha concluso che gli impegni della Turchia ad affrontare i problemi di trasparenza e abolire i blandi regimi fiscali sono stati finora “non sufficienti”, secondo persone vicine alla vicenda e i documenti riservati visionati da Bloomberg. Il cosiddetto gruppo Codice di condotta potrebbe raccomandare ai ministri delle finanze dell’UE di aggiungere i paesi non conformi ad una lista nera il 5 dicembre.

La potenziale lista nera arriva nel momento in cui la Germania esercita la sua influenza con le istituzioni internazionali di sviluppo per limitare i finanziamenti alla Turchia dalla banca statale KfW, dalla Banca europea per gli investimenti e dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo. Le banche commerciali tedesche stanno riconsiderando la loro esposizione verso la Turchia, come hanno rivelato funzionari vicini alla vicenda a Bloomberg il mese scorso, giorni dopo che la Cancelliera Angela Merkel ha dichiarato che l’UE può tagliare i fondi di pre-adesione alla Turchia come risposta alla repressione del paese delle sue istituzioni democratiche.

Gli ambasciatori che rappresentano i governi dell’UE dovranno discutere l’elenco prima della riunione dei ministri delle finanze. Fino a 36 paesi potrebbero essere inclusi, secondo la bozza di tabella riassuntiva datata 21 novembre, tra cui Serbia, Armenia, Isole Cook, Isole Marshall, Panama e Tunisia.

A sette giurisdizioni dei Caraibi è stato concesso un margine di manovra supplementare fino a febbraio a causa dei danni subiti dai recenti uragani, mentre gli impegni di territori come Guernsey, Isola di Man e Jersey sono stati ritenuti sufficienti. Vengono esaminate un totale di 92 giurisdizioni, mentre la lista dovrebbe essere continuamente aggiornata.

(RTV, Bloomberg, 23.11.2017)

http://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/aktuelno/i-srbija-na-eu-crnoj-listi-poreskih-rajeva_872683.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in fisco, Turchia
banca
Mihajlovic: la banca turca Eximbank finanziarà progetti in Serbia

Zitoradja
Azienda turca avvierà produzione a Zitoradja

Close