Pandemia usata a fini politici

“I risultati del monitoraggio sulle informazioni e sull’esposizione mediatica durante lo stato di emergenza indicano che la libertà dei media si è ulteriormente deteriorata durante questo periodo, che i media sono stati intimiditi, che alcuni giornalisti sono stati arrestati per aver scritto e riferito che i media erano succubi di una persona, Aleksandar Vučić”, riferisce il politologo Boban Stojanović in una sua ricerca.

La ricerca ha analizzato la presenza dei rappresentanti politici nei media e l’atteggiamento dello Stato nei confronti dei giornalisti durante lo stato di emergenza e in generale l’atteggiamento nei confronti dei cittadini e dell’informazione ai cittadini durante la pandemia.

Lo scopo della ricerca era quello di determinare se lo stato di emergenza fosse stato utilizzato dalle autorità politiche per permettere un “ulteriore crollo della libertà dei media in Serbia”.

“La Repubblica di Serbia non può vantare un’elevata libertà mediatica, al contrario. Il livello di libertà dei media in Serbia è a un livello molto basso. Tutti i rapporti internazionali indicano grandi problemi con la libertà dei media in Serbia”, afferma lo studio.

La valutazione di “Freedom House” sul rapporto per la Serbia per il 2019 è stata di 67 su 100, e a ciò hanno contribuito 119 incidenti documentati registrati dall’Associazione indipendente dei giornalisti della Serbia (NUNS), nonché numerosi attacchi a giornalisti e media indipendenti.

Utilizzando i dati del monitoraggio dell’Ufficio per le ricerche sociali (BIRODI), che ha analizzato un totale di 220 ore di programmi di cronaca sulla televisione nazionale e sulla televisione via cavo “N1”, si è visto un cambiamento nei toni delle informazioni.

La “TV Pink” (69,55 ore) ha dedicato la maggior parte del tempo durante lo stato di emergenza a informazioni sulla pandemia, mentre la “TV Happy” il minor (21,42 ore).

In termini di esposizione e dichiarazioni da parte di istituzioni pubbliche, organi e funzionari statali, Aleksandar Vučić è stato il più visto nei telegiornali con più di 18 ore di presenza, mentre la Premier Ana Brnabić ha registrato una presenza di sole 5 ore.

Pandemija iskorišćena za skupljanje političkih poena

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, libertà media, pandemia, stato emergenza
Vucic: “Vedremo se nel 2022 si terranno elezioni parlamentari straordinarie”

Vučić “ha scavalcato” l’UE e si è legato all’America

Close