Pacolli: “Con la Serbia dobbiamo parlare come due stati indipendenti”

“I dazi verso la Serbia e la Bosnia devono rimanere, anche se sono stati condannati dagli Stati Uniti, dalla Germania e da altri paesi occidentali”, ha detto in un’intervista per il DW il ministro degli Esteri del Kosovo Behgjet Pacolli.

“Dobbiamo mostrare a loro che il Kosovo ha il suo orgoglio. Siamo uno stato indipendente già da dieci anni. Non possiamo lasciare a tutti calpestare ciò che abbiamo raggiunto finora. Sarebbe molto saggio per i serbi capire che l’indipendenza del Kosovo è una realtà dal 17 febbraio 2008. Ciò non può essere annullato”, ha detto Pacolli per il DW a Berlino, dove è in visita per celebrare i dieci anni di rapporti diplomatici tra Pristina e Berlino.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Il ministro degli esteri del Kosovo ha affermato che il Kosovo è pronto a ritirare i dazi doganali solo se verranno implementati “tutti gli accordi firmati” e se ci sarà il “100% di reciprocità tra Kosovo e Serbia”.

Parlando della recente visita del commissario europeo Johannes Hahn, il quale ha affermato che la liberalizzazione dei visti per il Kosovo dovrà attendere almeno fino al 2020, Pacolli ha commentato dicendo: “L’Europa ora non è proprio corretta. Abbiamo fatto tutti “i compiti per casa” e soddisfatto tutte le 95 condizioni. I cittadini del Kosovo hanno perso la loro fiducia nell’Europa. Non so con quali argomenti questa volta, il signor Han, sia venuto per persuaderci a ritirare i dazi doganali. Doveva prima parlare con Belgrado e dire a loro che il Kosovo funziona benissimo come stato indipendente”.

La “zona economica”

Pacolli ha detto che personalmente “non vede come si possa trovare una soluzione politica” alla questione del Kosovo. “Credo fermamente in una soluzione economica per la quale entrambe le parti avranno un’interesse. E’ dal 2007 che sostengo quest’idea, che il nord del Kosovo dovrebbe essere una grande zona economica dove una parte del territorio apparterrebbe alla Serbia e un’altra parte al Kosovo e che la zona economica sia gestita da un terzo soggetto. Solo così vedo una soluzione. Ma forse è troppo presto per parlare di queste idee”.

https://www.danas.rs/politika/pacoli-moramo-da-pricamo-kao-dve-nezavisne-drzave/?fbclid=IwAR3I_x0TPcyzWFkWBL-C9lCtqD06tcl0mp4kL8FnvG3ZvTmlsRYetvi46LY

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Behgjet Pacolli, Berlino, dazi doganali, Johannes Hahn, Kosovo, Pristina
Brnabic: Chiedo a Pristina di mostrare la denuncia inviata al CEFTA

Rada Trajkovic: “Vucic e Thaci sono una squadra in missione”

Chiudi