Opposizione vicina alla decisione di boicottare le elezioni in primavera – Vucic afferma che non gli importa chi parteciperà alle elezioni

Le elezioni in Serbia si terranno in primavera, ma solo nelle prossime settimane gli elettori sapranno probabilmente quali partiti politici vi parteciperanno.

Dopo che diversi partiti dell’opposizione hanno annunciato il boicottaggio elettorale, il Presidente serbo Aleksandar Vucic ha detto ai cittadini di non preoccuparsi, che tutti hanno diritto al boicottaggio e che non gli importa chi parteciperà alle elezioni.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Parlando a “Voice of America”, lo stesso Vucic ha affermato che le leggi approvate dal precedente governo sono in vigore e che è pronto per un controllo delle liste elettorali.

Secondo l’ambasciatore tedesco Thomas Schieb, una forte democrazia richiede una forte opposizione in parlamento; si accoglie con favore il dialogo tra le autorità e l’opposizione e, in linea di principio, il boicottaggio non è una buona soluzione.

“C’è stato un tentativo di muovere le cose e cambiare le circostanze. A nostro avviso questo è un processo importante e speriamo che continui”, ha affermato Schieb.

Il leader del Partito Popolare (NS) dell’opposizione, Vuk Jeremic, ha dichiarato a “Danas” che non c’è più tempo per negoziare con le autorità sulle elezioni che si terranno nella primavera del 2020, aggiungendo che un boicottaggio non significa una fuga dalla lotta: “Al contrario, è la forma più onesta di lotta a beneficio dei cittadini”.

Lo stesso ha dichiarato che non ha senso parlare con le autorità perché hanno già deciso di non tenere le prossime elezioni in condizioni regolari e “si sono assunte la responsabilità di tutte le conseguenze di questa decisione”.

Jeremic sostiene che Vucic ha incontrato il Segretario di Stato americano Mike Pompeo per “attenuare l’atteggiamento negativo dell’amministrazione americana nei confronti del fatto che viviamo in una dittatura e che le elezioni in primavera si terranno in condizioni irregolari”. Ha aggiunto che Vucic si è offerto di firmare presto un accordo globale con Pristina che, secondo lui, include il riconoscimento reciproco.

Il deputato e vicedirettore di “Nova Srpska Politicka Misao”, Djordje Vukadinovic, ha dichiarato che prendere parte alle elezioni è, pur in queste determinate circostanze che non sono affatto buone, probabilmente l’opzione meno negativa per l’opposizione” poiché “le alternative sono anche peggio”.

“Penso che una decisione così sbalorditiva, senza che l’opposizione effettui prima un’analisi più approfondita sulle conseguenze a cui porterà, avvantaggi solo Vucic e indebolisca la posizione dell’opposizione. L’immagine pubblica del Presidente e il modo in cui i funzionari stranieri lo vedono è tale che la sua figura è percepita come “costruttiva” e incline a fare affari, mentre l’opposizione è vista come “avventurosa, disunita e polarizzata”, ha dichiarato Vukadinovic al quotidiano Blic.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/221860/Opozicija-najavljuje-bojkot-izbora-Vucic-kaze-da-mu-je-svejedno-ko-ucestvuje.html

http://rs.n1info.com/Vesti/a510340/Djordje-Vukadinovic-o-bojkotu-izbora.html

 

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top