Opposizione divisa sul boicottaggio delle elezioni

Anche se minacciato di espulsione dall’Alleanza “SzS” (Savez za Srbiju) se viola la decisione sul boicottaggio, il sindaco di Sabac e il leader del partito “Zajedno za Srbiju” Nebojsa Zelenovic, insieme al sindaco di Paracin, Sasa Paunovic, sta provando a convincere la base del Partito Democratico ed ottenere un supporto alle elezioni politiche locali.

Zelenovic e Paunovic hanno avuto un incontro con i democratici di Novi Sad ieri, con l’obiettivo di presentare i motivi per la presentazione alle urne a Sabac e Paracin in primavera. Dopo di loro, anche il capo di questo partito, Zoran Lutovac, doveva parlare con i membri del comitato dei DS a Novi Sad.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Zelenovic e Paunovic contano di fare pressioni affinché la base dei DS assicuri un numero sufficiente di voti dei membri del Consiglio democratico che darebbero il “via libera” alla presentazione alle elezioni locali a fine febbraio.

Gli annunci di Zelenovic e Paunovic sulla possibile presentazione alle urne hanno causato insoddisfazione negli altri leader del “SzS”, in particolare nel presidente dei “Dveri” Bosko Obradovic e nel Partito popolare di Vuk Jeremic. Obradovic ha dichiarato ieri che Zelenovic non può rimanere nell’Alleanza se si reca alle elezioni locali e Jeremic ha preso la stessa posizione.

D’altra parte, Dragan Djilas, il capo del Partito per la libertà e la giustizia, in una lettera aperta inviata ieri a Sam Fabrici, ha criticato l’ambasciatore della delegazione dell’UE a Belgrado per aver affermato che “l’UE non sta chiudendo gli occhi davanti agli eventi in Serbia”. Djilas ha affermato che l’affermazione è giusta quanto il messaggio “che l’integrazione europea della Serbia è una realtà”.

Nella lettera a Fabrici, lo stesso Djilas ha fornito 20 esempi di come il “regime di Vucic molesti i cittadini e distrugga la Serbia”.

https://www.novosti.rs/vesti/naslovna/politika/aktuelno.289.html:847150-Opsta-konfuzija-medju-strankama-SzS-Dok-Djilas-ratuje-sa-Fabricijem-od-bojkota-odustaju-i-kljucni-igraci-Zelenovic-trazi-podrsku-u-bazi-DS-a

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... boicottaggio, Elezioni, opposizione, Serbia
La migliore frutta e verdura in Serbia viene esportata all’estero

2,8 miliardi di euro dall’UE alla Serbia: “I Balcani una priorità nel prossimo periodo”

Chiudi