ONG contro l’iniziativa del Governo ad assistere finanziariamente il pagamento dei prestiti in franchi svizzeri

La Coalizione per la supervisione delle finanze pubbliche, ha chiesto al Governo serbo di abbandonare l’intenzione annunciata di stanziare 120 milioni di euro per risolvere i problemi dei cittadini, indebitati in franchi svizzeri.

Invece dell’importo annunciato, come affermato nella dichiarazione della Coalizione, “a tal fine, non si dovrebbero assegnare nemmeno un euro dal bilancio dello stato”.

“I prestiti in franchi svizzeri, nonostante i ripetuti avvertimenti dell’allora governatore della Banca Nazionale di Serbia, Radovan Jelasic, del rischio d’impresa nel quale si imbattono, sono stati presi da persone maggiorenni e competenti le quai hanno ritenuto che questa fosse la scelta migliore per risolvere i loro probblemi con l’abitazione”, è stato dichiarato in una dichiarazione.

Si aggiunge che “non vi è alcun motivo valido per cui coloro che non si sono indebitati paghino per quelli che i prestiti li hanno presi”. Nessun cittadino della Serbia, come afferma questa organizzazione, non è obbligato a pagare il prezzo delle decisioni aziendali sbagliate, né a sopportare il rischio delle loro stime sbagliate.

Secondo la decisione annunciata del Governo, il costo dei cittadini che hanno risolto il problema degli alloggi, tramite il prestito in franchi svizzeri, sarà pagato da centinaia di migliaia di cittadini della Serbia che non hanno i loro appartamenti e vivono in povertà.

“Avvertiamo il Governo serbo che l’adozione di questo tipo di decisione demagogica e politica avrà conseguenze economiche incredibilmente gravi e priverebbe i cittadini della Serbia della possibilità, che i summenzionati 120 milioni di euro vengano impegnati nella ristrutturazione di infrastrutture, per il miglioramento dell’ambiente, del livello dei servizi sanitari ed educativi e di altri contenuti di interesse pubblico”, è stato dichiarato nella dichiarazione.

Tale decisione avrebbe oltre alle conseguenze economiche, anche gravi conseguenze morali, poiché un fatto del genere darebbe il diritto a qualsiasi gruppo di persone indebitate a prendere decisioni a spese dei contribuenti e quindi convertire parte del proprio debito verso coloro che non hanno preso parte alle loro iniziative imprenditoriali.

https://www.danas.rs/ekonomija/koalicija-za-nadzor-javnih-finansija-duznicima-u-svajcarskim-francima-ni-evro-iz-budzeta/?fbclid=IwAR2a9nZeDZJIQhaAvFI9JK_7GouhqE5jNUOC1ATRT9A7cxM-GQ0jkW3PUKM

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top