Oltre ai liberi professionisti, pagherà le tasse in Serbia anche chi lavora all’estero?

Sebbene non sia ancora chiaro ai liberi professionisti come calcolare esattamente l’imposta sul reddito dall’estero che sono tenuti a pagare, l’Amministrazione fiscale afferma che le sanzioni sono chiare e vanno dai 5.000 dinari fino a 10 anni di carcere con una multa. Questo, tuttavia, non è tutto. Secondo la legge vigente sull’imposta sul reddito personale, la Serbia può richiedere tasse e contributi per pensione e assicurazione sanitaria non solo ai liberi professionisti, ma anche ai cittadini che lavorano e vivono all’estero.

Quindi, tutti i cittadini della Serbia che rientrano nella definizione di residenti ai sensi della legge, sono obbligati a pagare tasse e contributi.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Ai sensi dell’articolo 7 della legge, il contribuente dell’imposta sul reddito delle persone fisiche è residente nella Repubblica di Serbia, per i redditi guadagnati nel territorio della Repubblica di Serbia e in un altro Paese. Tutti i cittadini della Serbia che rientrano nella definizione di residente ai sensi della suddetta legge, sono obbligati a pagare tasse e contributi.

Un residente della Repubblica, ai sensi della presente legge, è una persona fisica che:

1) ha una residenza o un centro di attività economiche e di vita nel territorio della Repubblica, oppure

2) risiede nel territorio della Repubblica, in modo continuativo o intermittente, per 183 giorni o più per un periodo di 12 mesi che inizia o termina nel rispettivo anno d’imposta.

Ciò significa che è sufficiente soddisfare uno dei criteri di cui sopra, per essere trattato per legge come un residente che deve pagare tasse e contributi. Ad esempio, ti sei trasferito in Germania dieci anni fa e hai lavorato lì, ma non hai cancellato la tua residenza dalla Serbia. Oppure sei andato a lavorare temporaneamente in un paese dell’Unione europea per 90 giorni, sei tornato in Serbia e poi sei tornato a lavorare. Indipendentemente dal fatto che tu abbia guadagnato il tuo stipendio all’estero, la Serbia ti obbliga a pagare tasse e contributi per il PIO e il fondo sanitario, afferma l'”Associazione di liberi professionisti e imprenditori della Serbia”.

La citata associazione dichiara inoltre l’importo dell’imposta. L’imposta è del 10% sulla base imponibile e il contributo per il PIO e il fondo assicurativo è del 25,5%, ovvero il 10,3% dello stipendio totale.

Pored frilensera, porez će plaćati i gastarbajteri?

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... imposta sul reddito, lavoro all'estero, liberi professionisti, PIO
I lavoratori della “Leonardo” aspettano ancora una risposta

Nuovi sussidi statali per i datori di lavoro più veloci

Chiudi