Oltre 500 imprese pubbliche in privatizzazione

Il 15 agosto l’Agenzia per le Privatizzazioni ha deliberato di procedere alla vendita di 502 imprese statali, tra le quali la compagnia di estrazione di carbone Resavica, l’azienda farmaceutica Galenika, l0azianda petrochimica Petrohemija, la società di fertilizzanti Azotara, l’azienda di veicoli pesanti FAP, la ditta di costruzioni Mostogradnja, la ditta di assistenza aeronautica Jat Tehnika, la società di trasporti Lasta, il mobilificio Simpo, le quote della catena di negozi C Market, la Fiera di Belgrado.

Attraverso un bando pubblico l’Agenzia raccoglierà le manifestazioni di interesse per la privatizzazione di imprese come la Industria dei Motori di Rakovica, la IMT-Industrija Masina i Traktora, la Ditta per i Viaggi di Belgrado, la Kolubara Servizi, l’azienda tessile Yumko di Vranje, l’azienda di pneumatici Trayal di Krusevac, il Kombinat agricolo di Belgrado, il birrificio BIP, il Kombinat agricolo e industriale di Zemun, la Ikarbus, la fabbrica di trasformatori Minel, la Raffineria di Belgrado e la miniera di Kovin.

In vendita andranno anche 73 imprese editoriali, tra le quali la Politika a.d. (editrice dello storico quotidiano), la Dnevnik Holding di Novi Sad, la televisione Studio B, la casa editrice dei libri di testo scolastici, la televisione di Pancevo, le case editrici Pancevac e Prosveta, le stazioni radio di Barajevo, Drina, Sombor, Obrenovac, la rivista “La voce della Podrinja” di Sabac, l’Ufficio lessicografico jugoslavo.

Altre imprese poste in privatizzazione sono il servizio parcheggio dell’aeroporto di Belgrado, l’industria aeronautica Utva, l’industria metalmeccanica Gosa di Smedereska Palanka, l’industria farmaceutica Farmakos di Belgrado, la centrale elettrica e le aree minerarie di Obilic e la holding Trpeca di Zvecan in Kosovo, la cantina Župa di Kruševac, la ditta di confezioni “Prvi Maj” di Pirot, l’Hotel Splendid e gli hotel Slavija di Belgrado, gli appartamenti Jat di Kopanik, la holding Šamot di Aranđelovac, il Dopolavoro di Belgrado.

Inoltre andranno in privatizzazione la Fabbrica di sedili di Priboj, la ditta di costruzioni Sloga di Kanjiza, la Pro Tent Usce, la fabbrica di cosmetici Nevena di Leskovac, la Fabbrica di calzature di Belgrado, il servizio catering Kolubara, la Fonderia di Topola, la Krusik Plastik, la Clinica speciale Merkur, la società di costruzioni stradali PIM di Belgrado, il birrificio di Jagodina, la società di costruzione di vagoni ferroviari di Smederevo e la squadra di calcio FK Rad.

La lista delle aziande in privatizzazione prosegue con la Hidrotehnika-Hidroenergetika, la ditta di calzature Boreli di Sombor, la ditta di costruzioni stradali Vojvodinaput-Backaput, l’azienda di trasporti con autobus Severtrans, la Vetreria di Pancevo, la ditta di trasporti Autosobracaj di Kragujevac, l’azianda di trasformazione e conservazione di frutta Budimka di Pozega, il complesso alberghiero-termale “Fontana” di Vrnjacka Banja, la ditta di montaggi elettrici “24 settembre” di Uzice. Le espressioni di interesse devono essere presentate entro il 15 settembre.

Nel complesso si tratta di 113 aziende manifatturiere, 83 a carattere commerciale, 73 imprese editoriali od operanti nel campo dell’informazione, 67 nei settori della formazione, della ricerca e dell’innovazione, 51 nel campo delle costruzioni, 37 in campo agricolo, 21 imprese di trasporto, di immagazzinaggio o di accoglienza, 16 imprese a carattere sanitario o di assistenza, 15 imprese a carattere finanziario o assicurativo, 13 a carattere amministrativo, 7 nel settore elettrico o energetivo, 6 nel settore minerario, 5 nel settore della distribuzione dell’acqua, 4 in altri servizi, 3 nel settore delle arti e delle attività ricreative e una ciascuna nel settore pubblico, dell’istruzione e immobiliare.

Entro 45 giorni dalla data di scadenza per la presentazione delle menifestazioni di interesse l’Agenzia per le privatizzazioni invierà al Ministero dell’economia le sue proposte inerenti i modelli e i metodi per la privatizzazione di ogni singola impresa. Secondo la nuova legge sulle privatizzazioni approvata mercoledì della scorsa settimana, entro fine dicembre di quest’anno il rpocesso di privatizzazione dovrà essere concluso.

Per ogni ulteriore informazione o richiesta di dettagli sul processo di privatizzazione si può inviare una richiesta all’email serbianmonitor@gmail.com

(Blic, 15.08.2014)

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top