Obradovic e la libertà di stampa: “governo cinico e ipocrita”

Vukasin Obradovic, direttore del settimanale “Vranjska”, costretto a chiudere i battenti sotto il peso della pressione fiscale e politica, ha deciso di avviare lo sciopero della fame per attirare l’attenzione dell’opinione pubbica sull’ “assurda per la libertà di media che ha guidato negli ultimi anni”: secondo gli interlocutori di Vesti, il caso del settimanale fondato da Obradovic sarebbe la prova che il governo intende schiacciare qualsiasi tipo di opinione critica.

Le associazioni dei giornalisti sottolineano tuttavia che l’estinzione di questo settimanale è un paradigma di stato nell’ambito dell’informazione pubblica e la mossa di Obradovic viene generalmente considerata come un grido disperato sotto il peso della costante pressione sui media indipendenti.

“Speriamo che la chiusura del “Vranjskih” non sia un segno che la libertà dei media in Serbia, almeno a livello locale, ha subito una sconfitta definitiva sotto la pressione delle autorità”, si legge in una dichiarazione congiunta dell’Associazione Indipendente dei giornalisti della Serbia e dell’Associazione dei giornalisti indipendenti della Vojvodina.

Vukasin Obradovic ha inviato ieri una lettera aperta al Direttore dell’ufficio fiscale dell’amministrazione tributaria a Vranje, ponendogli domande sull’estinguimento del “Vranjski”. Nella lettera, tra l’altro, si afferma che, dopo la pubblicazione di un colloquio con l’ex direttore dell’amministrazione fiscale della filiale di Vranje, tre mesi fa, i giornalisti della redazione hanno ricevuto informazioni informali secondo cui “Vranjske” sarebbe stato sottoposto al controllo di ispezione. Nella lettera viene specificato quando gli ispettori hanno visitato la redazione, e la loro rapidità, sebbene il termine per l’eliminazione delle carenze fosse di 30 giorni, l’assenza di preavviso perché, come hanno affermato, c’erano motivi “per un’azione immediata e temevano che la notifica avrebbe ridotto il conseguimento dell’obiettivo del controllo fiscale”.

Il Presidente della NUNS, Slavisa Lekic, ha sottolineato che, nell’ambito di una silenziosa eutanasia, esistono pochi mezzi liberi che cercano di agire come potere correttivo.

“Vranjske ha lavorato per 23 anni, quasi costantemente sotto la pressione diretta o indiretta delle autorità. Sono stati sinonimo di resistenza a Slobodan Milosevic, ma anche uno dei rari simboli della critica aperta di tutta la negatività del regime che è venuto dopo. “Vranjske” è sopravvissuto a Milosevic, e ora stanno esaurendo il carburante”, ha dichiarato Lekic.

Intanto il governo serbo ha annunciato che la nuova Strategia dei media è stata adottata con un ampio consenso e che lo stato si è ritirato dai media, che saranno finanziati attraverso la concorrenza. Negando che si tratti di un caso di soffocamento della libertà dei media, il governo ha sottolineato che dal 2014 questo settimanale è stato sostenuto con un totale di 4.755 milioni di dinari. La redazione del quotidiano “Vranjske” ha definito il governo “ipocrita e cinico”, sottolineando che ogni storia relativa ai fondi perde significato quando si osserva che la TV Vranjska plus, la TV Srpska napredna sranka a Vranje, solo in occasione dell’ultima gara per il cofinanziamento hanno ricevuto dalla città 6, 5 milioni di dinari. L’Associazione dei giornalisti della Serbia ha annunciato ieri che non ha sostenuto le leggi sui media approvate tre anni fa.

Nedim Sejdinovic, Presidente dell’Associazione dei giornalisti indipendenti di Vojvodina, sottolinea che non si tratta di chiudere i media in Serbia, ma di spegnere i media indipendenti, ” pressurizzati, soffocati e caricati da tributi e da qualsiasi tipo di ispezione”.

“La drammatica estinzione del Vranjska e lo sciopero della fame del suo redattore e fondatore Vukašin Obradovic hanno reso evidente a chiunque sia capace di vedere la difficile situazione in cui i media in Serbia versano oggi, così come i loro lettori e ascoltatori”: questa la dichiarazione dello Springer PEN Center, che esorta il pubblico serbo all’empatia con i giornalisti e i media liberi e professionali.

“Ogni volta veniamo a conoscenza della scomparsa di mezzi di trasmissione in Serbia, sappiamo quasi tutti i giorni che alcuni media in Serbia sono stati chiusi e quasi tutti i giorni scopriamo che alcune trasmissioni sono sparite dai programmi televisivi e che alcuni autori rilevanti non saranno più pubblicati nei media la cui reputazione è basata su quella collaborazione”, continua la dichiarazione.

Secondo le loro parole, invece di informazioni libere, che sarebbero un segnale dell’utilizzo di diverse fonti, così come dell’esercizio di un dialogo in cui le differenze vengono manifestate e apprezzate, il pubblico è esposto a campagne infinite e insostenibili. Le pressioni e la censura distruggono le ultime tracce di informazioni.

“I media sono messi in pericolo dalla censura politica ed economica che, come una delle conseguenze più pericolose, provoca un’autocensura, e le pressioni sui media professionali e la persecuzione dei giornalisti costituiscono una minaccia inerente alla nostra società, così come l’accelerata l’estinzione dei media professionali e la crescita dei tabloid che superano tutti i confini della comunicazione civile e della decenza”.

Come si afferma ulteriormente, tutta una serie di televisioni a frequenza nazionale si è trasformata in una piattaforma per promuovere contenuti pericolosi per ogni società decente. La cultura, sostiene il Centro, è estremamente emarginata e temi importanti del momento contemporaneo e della nostra società hanno perso spazio nei media, impedendo così il dialogo su questioni che riguardano tutti.

Intanto, il Capo redattore e direttore del quotidiano di Vranje, Vukašin Obradović, ha interrotto lo sciopero della fame su raccomandazione del medico. È stato trasferito presso il dipartimento interno del Centro sanitario di Vranje, sottoposto a esami diagnostici e sottoposto a terapia.

(Vesti, Danas, 22.09.2017)

http://www.vesti-online.com/Vesti/Srbija/667295/Masovno-gasenje-nezavisnih-lokalnih-glasila-Medijski-mrak-nad-Srbijom

http://www.danas.rs/drustvo.55.html?news_id=357064&title=PEN+centar%3a+Ga%C5%A1enjem+medija+gase+se+svetla+u+Srbiji

http://www.danas.rs/politika.56.html?news_id=357065&title=Prelevi%C4%87%3a+Blokada+medija+poreskim+inspekcijama+

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top