Nuovi sussidi statali per i datori di lavoro più veloci

I datori di lavoro più veloci avranno diritto a sussidi da parte dello Stato per le nuove assunzioni e sarà possibile ottenere il denaro per ogni nuovo dipendente già dal prossimo autunno.

Le nuove misure per stimolare l’occupazione, che il governo ha annunciato venerdì 12 giugno, includeranno sovvenzioni per l’occupazione di un totale di 10.000 giovani. Molto probabilmente l’implementazione inizierà in autunno, e i datori di lavoro che impiegano le prime 10.000 persone avranno diritto ai sussidi statali.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Pertanto, le aziende più veloci potranno contare sul supporto governativo, sotto forma di una parte dello stipendio per i propri nuovi dipendenti.

Nello specifico, lo Stato ha preparato 20.000 dinari per coloro che hanno terminato il liceo, e 24.000 dinari per coloro che hanno un titolo universitario, per un periodo di nove mesi.

Nell’ambito del programma “Moja prva plata” (Il mio primo stipendio), lo Stato vuole aiutare i giovani che hanno finito il liceo o la facoltà a trovare il loro primo lavoro e allo stesso tempo motivare i datori di lavoro ad assumerli. Ecco perché due miliardi di dinari saranno assegnati dal bilancio statale per questo progetto.

Il Ministro delle finanze, Siniša Mali, ha annunciato che i programmi di formazione, vale a dire una formazione aggiuntiva per coloro che desiderano trovare un nuovo lavoro, continueranno in autunno.

“Abbiamo un tasso di disoccupazione del 9,7%, ma c’è ancora bisogno di personale. Ecco perché vogliamo consentire a coloro che non hanno un lavoro di ricevere una formazione aggiuntiva, avere nuove competenze, nuove conoscenze, al fine di ottenere un lavoro”, ha detto il Ministro.

La formazione dei disoccupati non sarà svolta solo nelle istituzioni ma anche direttamente nelle aziende che dopo li impiegherebbero.

Lo Stato ha anche pensato a nuove misure per l’occupazione di tutti coloro che non avevano un lavoro nell’anno 2019. Per coloro per i quali questo sarà il primo lavoro lo Stato offre dei vantaggi, vale a dire una cancellazione per un importo pari al 100% del contributo per il fondo PIO 2020. L’anno prossimo, la diminuzione sarà del 95% e nel 2022 dell’85%.

Il governo ha inoltre ridotto gli obblighi fiscali per i datori di lavoro sui salari del 70% nel primo anno, del 65% nel secondo e del 60% nel terzo anno.

https://www.blic.rs/biznis/privreda-i-finansije/ko-prvi-njemu-devojka-do-24000-dinara-za-svakog-novozaposlenog-vec-na-jesen-novac/cjry64g

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... giovani lavoratori, nuove assunzioni, PIO, Sinisa Mali
In arrivo misure economiche per stimolare nuove assunzioni

Lo stipendio di 900 euro una “fantasia priva di basi economiche”

Chiudi