Una nuova mappa per riscoprire l’architettura modernista a Belgrado

Blu Crow media presenta la pubblicazione della nuova mappa numero 8, con il lancio della Modernist Belgrade Map (Mappa modernista di Belgrado), prodotta in collaborazione con l’architetto e fotografo Ljubica Slavković Relja Ivanic.

Belgrado, capitale della Serbia e della ex Jugoslavia, è situata al crocevia tra l’Europa centrale e meridionale. Durante la seconda metà del 20° secolo Belgrado ha subito la ricostruzione e lo sviluppo intensivo dopo l’ascesa e il crollo della Repubblica socialista federativa di Jugoslavia.

La storia moderna di Belgrado ha introdotto una nuova generazione di architetti jugoslavi che erano in grado di esercitare la propria creatività e competenze specifiche nella costruzione e nell’ambiente circostante: la città divenne così sede di un numero significativo di edifici moderni, caratterizzati da stili europei contemporanei.

La mappa bilingue, stampata su due lati, e la relativa guida, invitano i lettori a “scoprire e riconoscere alcuni dei risultati più importanti della Jugoslavia di Tito e dell’architettura modernista oggi esistenti”, ed illustra 50 tra i più significativi esempi di modernismo e brutalismo osservabili nella Belgrado di oggi: icone come il Palazzo della Serbia, Genex Tower (la porta occidentale di Belgrado), Rudo (Porta Orientale), Museo dell’Aviazione, l’Urban Planning Institute, etc.

Slavkovic ci tiene a precisare che, nonostante la densità di opere moderniste originali e di architettura brutalista e opere di design nella città, la mancanza di sostegno pubblico e di manutenzione ha contribuito al decadimento e al non ottimale aspetto in cui gli edifici versano attualmente. Pertanto, la pubblicazione dalla Mappa modernista ha lo scopo di attirare l’attenzione del pubblico su queste realizzazioni architettoniche, prima che sia troppo tardi.

(Still in Belgrade, 12.06.2017)

Introducing Modernist Belgrade Map

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in arte, arte contemporanea
Shafiq Rafat e l’arte: dopo la fuga dall’Afghanistan, Belgrado trasforma in realtà un sogno

Da “I quattro gatti” a Novi Sad: in mostra Picasso, Dali, Miró e Tàpies

Close