Nuova legge sui rimborsi per il trasporto dei lavoratori a partire dal 1° gennaio 2020

Una sola parola aggiunta all’articolo 18 della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche potrebbe lasciare la maggior parte dei dipendenti in Serbia senza il denaro ricevuto per i costi del trasporto.

I datori di lavoro, se il disegno passerà, potranno scegliere dal 1° gennaio se acquistare i biglietti per il trasporto dei lavoratori, costringere loro a farli e a giustificarli o iniziare a pagare il 10% di tasse sui contanti pagati. È certo che chiunque non rispetti le norme rischierà di essere punito.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

All’inizio dell’anno, il Ministero delle finanze aveva emesso un parere che indicava già che ogni metro fatto fino al posto di lavoro avrebbe dovuto essere coperto da “documentazione” se il datore di lavoro desiderava che il beneficio rimanesse esente da imposte.

È chiaro che il testo della legge dovrà essere rispettato, ma è difficile capire quale sarà l’opzione più favorevole. La più grande incertezza è verso i dipendenti che non usano i mezzi pubblici per andare al lavoro.

“La terza opzione, con il pagamento delle tasse, sarebbe la più comoda, ma richiede fondi aggiuntivi. Non siamo in grado di prevedere ciò che i datori di lavoro decideranno, poiché non sappiamo come la maggior parte di loro attualmente agisca. Non abbiamo informazioni se siano stati eseguiti controlli o sanzioni. Dal momento che questo viene ora incorporato nella legge, sarà anche la base per il reato” spiega Rada Stojanovic, vicedirettrice della rivista “Accounting Practice”.

L’attuale legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche, così come il disegno futuro, prescrive un limite di 3.837 dinari per i costi di trasporto senza tasse. Chi paga di più anche ora paga sulla differenza. La novità è che il 10% del costo aggiuntivo sarà sostenuto da tutti coloro che non giustificano la spesa e sono al di sotto del limite.

Il disegno di legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche prevede anche una parte maggiore degli utili non imponibile. Invece dei precedenti 15.300 dinari, 16.300 dinari. Infine le aziende che concedono borse di studio e prestiti agli studenti saranno in grado di offrire loro fino a 30.000 dinari al mese senza pagare le tasse; il limite attuale è di 11.741 dinari.

https://www.ekapija.com/news/2674899/naknada-za-prevoz-radnika-od-1-januara-2020-po-novom-zakonu-obavezna

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top