NUNS e alcune ONG chiedono una rapida indagine sull’acquisto di Srdjan Milovanovic di O2 e Prva TV

Dal momento che il Gruppo Antenna ha confermato che i due canali televisivi nazionali, Prva TV e O2 TV, sono stati venduti a Srdjan Milovanovic, l’ex proprietario dell’operatori via cavo Kopernikus, i commenti e le reazioni non si fermano. Convinti che il business sia sospetto, il NUNS e alcune ONG chiedono alle autorità una rapida indagine.

Essi ritengono che così ci sarà un ulteriore deterioramento della libertà dei media e del pluralismo dei media. D’altra parte, il ministro della Cultura Vladan Vukosavljevic dice che da sempre le persone che operano nel business dei media sono associate a qualcuno o a qualche partito politico e che questo è un fenomeno globale e non solo serbo. Vukosavljevic ha affermato che “l’acquisto dei canali televisivi O2 e Prva TV è stato fatto in conformità con la legge”.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Srdjan Milovanovic potrebbe presto diventare il magnate numero uno dei media serbi – con due televisioni nazionali, tre portali web, una frequenza radio e 9 canali via cavo. Questo grazie alla vendita di Kopernikus alla Telekom Serbia, e all’acquisto dell’impero mediatico dell’Antenna Group in Serbia quasi allo stesso prezzo. E tutto questo in meno di un mese.

“La cosa è intrigante e merita una rapida reazione degli organi statali”, dice Dragan Janjic della NUNS.

Invece delle autorità competenti, la reazione rapida è venuta dal Presidente della Serbia. Vucic ha negato di aver stretto un accordo con Srdjan Milovanovic (l’ex proprietario della Kopernikus recentemente acquisita dalla Telekom Serbia di proprietà statale) nonostante le informazioni che i due si conoscono da un po’ di tempo e che hanno stretto accordi quando Vucic era ancora in opposizione, nel 2012.


Prima delle elezioni del 2012, un’agenzia di marketing vicina al Partito Progressista serbo (SNS) ha acquistato 8 ore di trasissione su uno dei canali TV di Kopernikus per creare i propri programmi TV, di solito ancorati dai membri della SNS come la giornalista e membro del Parlamento del SNS, Marija Obradovic.
Inoltre, il fratello di Srdjan Milovanovic, Zvezdan è un rappresentante del SNS nella città di Nis.
“Nessun presidente di stato dovrebbe discutere di questo argomento in questo modo e sarebbe una buona mossa se le istituzioni statali competenti, tra cui l’ufficio penale e i ministeri, avviassero un’indagine sulla presenza o meno di corruzione nell’acquisto dei due canali televisivi”, afferma Maja Stojanovic dell’Iniziativa civile (Gradjanska Inicijativa).
Srdjan Milovanovic ha rifiutato di rilasciare alcuna dichiarazione per N1 riguardo l’acquisizione.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top