Novi Sad Capitale europea della cultura 2021 o la replica di Exit?

Alla vigilia di Capodanno, esattamente a mezzanotte, “fuochi d’artificio appositamente progettati” dovevano illuminare gli ospiti della piazza centrale di Novi Sad. Ma invece dello spettacolo, fumo, scintille e diversi feriti tra cui il designer dello spettacolo che è finito in terapia intensiva.

L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Novi Sad 2021, a cui la città ha affidato la guida del più importante progetto culturale – Capitali europee della cultura. Oltre alle esplosioni durante i fuochi d’artificio è stata attribuita la somma di circa 250.000 euro a società direttamente collegate con i vertici della Fondazione. Sono arrivate le prime valutazioni del progetto di Bruxelles da parte di esperti europei: il risultato principale è che il programma non ha una chiara dimensione artistica ed è troppo concentrato sui festival.

D’altra parte, le istituzioni culturali locali, così come i rappresentanti delle scena culturali, devono affrontare numerosi problemi che la Fondazione non riconosce come rilevanti.

L’assemblea della città di Novi Sad ha nominato a fine dicembre 2016, Nemanja Milenkovic come direttore della Fondazione Novi Sad 2021. Milenkovic in precedenza ha lavorato allo stesso progetto gestito però dalla Fondazione Exit nominata dalla città di Novi Sad. Nemanja Milenkovic, direttore della Fondazione Novi Sad 2021, è collegato a tutte e tre le società – in My Exit Adventure and Exit Foundation dove è stato impegnato nel marketing e nelle relazioni pubbliche, mentre in Exit Team ha lavorato come responsabile Marketing & PR manager.

Il proprietario di “Exit Team” e di “My Exit Adventure”, Dušan Kovačević, insieme a Nemanja Milenkovic fanno parte del Consiglio di Amministrazione della fondazione FORT, con l’obiettivo di tutelare e sviluppare la Fortezza di Petrovaradin. In una risposta scritta a BIRN, Milenkovic afferma di essere orgoglioso che i contatti che ha raccolto durante la sua carriera aiutino a realizzare il progetto Novi Sad 2021. “In Exit non ho svolto alcuna funzione a partire dal novembre 2016. L’unica forma di impegno lavorativo è la posizione di direttore della Fondazione Novi Sad 2021”.

Quanti clic per 250.000 euro?

Oltre al fatto che Milenkovic ha affidato gli acquisti alla sua ex società suscita dei dubbi il fatto che le attività proposte non siano chiare, quindi gli effetti non possono essere chiaramente visti.

Si sono pianificati campagne online e acquisti di spazi commerciali nei paesi della regione, Europa occidentale, America, Giappone, Cina, Russia e Turchia. C’è anche una registrazione di otto spot TV e radio che dovrebbero essere trasmessi su tutti i principali media in Serbia. Si prevede di organizzare eventi, affissioni di cartelloni pubblicitari e produzione di materiale promozionale.

Ad esempio, è stata pianificata nel Regno Unito per oltre otto mesi, attività di lobbying, hosting e PR. Quindi, pianificata la visibilità su cinque siti e tre riviste professionali e altre cinque, oltre a pubblicità online su Facebook e Google per otto mesi. Ad esempio, per la più piccola pagina di spazi pubblicitari nel Daily Mail inglese, dovrebbero essere assegnati circa 36.500 euro, e nel Daily Telegraph fino a 51.000 euro.

Igor Avgner, esperto di comunicazione e marketing, osserva che affittare spazi nei media locali e nazionali non è lo stesso e che la pubblicità sui social network non è adatta a tutti i paesi: “Cosa significa, ad esempio, ingaggiare un minimo di cinque riviste nel Regno Unito? E ‘un contratto di locazione della pagina intera o di una colonna? La questione si pone e perché qualcuno avrebbe scelto pubblicità di Facebook in Cina, dove questo social network è quasi bandito. ”

La Fondazione Exit non ci ha fornito un elenco di media online e cartacei all’estero su cui si è pianificato.

Come affermato nella lettera, è in corso un rapporto completo sulle attività di marketing relative alla promozione del progetto e lo consegnerà dopo la pubblicazione.

Igor Avgner afferma che è impossibile verificare gli effettivi effetti pubblicitari usando piani così imprecisi:”Cosa si dovrebbe ottenere con la pubblicità di otto mesi su Facebook? Quanti clic, quante pubblicità, quanta consapevolezza su Novi Sad e la Serbia?” Chiede Avger.

La capitale della cultura, ma sembra un festival

È stato proprio questo approccio, orientato agli eventi, e non allo sviluppo di programmi culturali, che è stata la denuncia chiave del gruppo indipendente di esperti che ha presentato una relazione sullo stato di avanzamento del progetto nell’ottobre 2017.

I membri della Commissione europea condividono la stessa preoccupazione: la capitale europea della cultura è come un festival e non ha una chiara dimensione artistica. Inoltre, hanno invitato la Fondazione Sad Novi nel 2021 a presentare un nuovo programma per la fine del mese di marzo 2018 e a specificare che cosa accadrà l’anno prossimo sulla scena culturale di Novi Sad.

I rappresentanti della scena culturale indipendente di Novi Sad spiegano che non avvertono alcun cambiamento in questo momento: “La ragione di questo è che la Fondazione ha un diverso sistema di valori. La Capitale europea della cultura è un buon marketing politico, ma non un cambiamento nel vero stato delle cose”, spiega dell’artista Zoran Pantelić, un rappresentante dell’associazione kuda.org.

Egli spiega che questo è meglio visto tra gli artisti che temono che i loro progetti non verranno accettati nei bandi culturali provinciali o locali se non cooperano con la Fondazione o hanno la necessità di giustificare se stessi quando partecipano a progetti della Fondazione. “La scena artistica indipendente di Novi Sad è preoccupata, ma interessata”, afferma Pantelic.

I rappresentanti delle istituzioni culturali di Novi Sad avvertono che c’è un reale timore che la città di Novi Sad non arriverà all’anno 2021 con istituzioni culturali qualificate.

Emilia Mrdaković, direttore del Teatro Mladost (“Gioventù”) di Sad Novi ritiene che né a livello nazionale né a livello locale le politiche culturali locali  “un ambito di interesse, né una priorità”.

Progettato il logo e l’intero programma artistico

La Fondazione Novi Sad 2021, nel giugno 2017, ha affidato alla società Peter Gregson, di proprietà di Dusan Trkulja, i servizi di progettazione per un valore di cinque milioni di dinari o circa 50.000 euro. All’interno di questo lavoro, il logo della Fondazione è stato creato da Jovan Trkulja, fratello del proprietario e direttore creativo della Peter Gregson.

Due mesi dopo, Jovan Trkulja è stato eletto direttore artistico della Fondazione nel 2021. Il suo compito principale è quello di progettare e guidare l’intero programma della Capitale europea della cultura. Nel primo Progress Report, la dimensione artistica è contrassegnata come un punto debole.

Jovan Trkulja ha ottenuto l’incarico di direttore artistico attraverso un concorso internazionale, che ha ricevuto altre duecandidature: Haris Pasovic, il regista bosniaco teatro e direttore del teatro East West di Sarajevo,  e l’artista tailandese Sarawut Chutivongpethi.

Poiché Chutivongpethi non ha presentato la documentazione completa, sono state prese in considerazione le domande di Pasović e Trkulja. Pasovic spiega che poco dopo aver fatto domanda per il concorso ha ricevuto una risposta sorprendente: “Mi hanno informato che il signor Trkulja era già stato eletto come direttore, e ho pensato che fosse sbagliato perché la procedura standard richiedeva interviste con i candidati. Ho presentato una denuncia che la Fondazione ha recepito”, ha detto Pasovic.

Successivamente, sono state condotte interviste con Pasovic e Trkulj, ma Trkulja è stata nuovamente scelto come direttore.

L’artista Zoran Pantelic per conto dell’associazione kuda.org, dice che sarebbe stato meglio se il coinvolgimento di artisti stranieri avesse potuto “mettere in discussione la scena locale al fine di contribuire alla fusione dei valori locali con altri paesi europei oltre a culture africane o asiatiche. Al contrario, il contesto locale ha optato per forme provinciali di cultura di consumo”, evidenzia Pantelic.

Nemanja Milenkovic, direttore della Fondazione nel 2021 in una risposta scritta a BIRN, spiega, tuttavia, che Trkulja è un candidato che si inserisce perfettamente nel team e il metodo di lavoro già esistente, così come capisce i valori e gli obiettivi del progetto. “La decisione finale è stata fatta da me, come direttore della Fondazione, nel mese di agosto 2017, e sulla base della raccomandazione della Commissione per il concorso pubblico. Facendo riferimento a tutte queste raccomandazioni, Jovan Trkulja, che è ampiamente riconosciuto nel suo lavoro nel Il mondo, che è la periferia della scena indipendente di Novi Sad e non è collegato a nessuna istituzione, fazione o elettricità, è stata una scelta logica “, dice a BIRN in una risposta scritta.

Sebbene apprezzato come designer, il lavoro di Trkulja è stato criticato in diverse occasioni. Il logo del Centro Culturale Novi Sad è stato particolarmente criticato perché sembra una croce uncinata. Trkulija ha anche lavorato molto con la Chiesa ortodossa serba, più spesso come copista di edizioni diocesane in tutta la Serbia, e ha anche disegnato calendari, diari e brochure promozionali.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Cultura, EXIT
museo nazionale
Il 28 giugno riaprirà il Museo Nazionale di Serbia

FEST2018: 116 anteprime, 10 classici e 8 sedi

Chiudi