Nova.rs: “La Serbia si è indebitata con un tasso molto più alto del necessario”

“Non abbiamo bisogno di soldi”; molte volte nell’ultimo mese lo hanno detto sia il Presidente che il Ministro delle finanze, sulle offerte di prestiti a basso costo del FMI e della Commissione europea per aiutare l’economia a causa della pandemia, ricorda il portale Nova.rs.

Secondo i dati del sito web del FMI, l’organizzazione ha offerto un prestito dall’1,29 al 2,1% (a seconda della quantità di denaro presa) ai Paesi la cui economia è in pericolo a causa del coronavirus, ma la Serbia non ha voluto prendere dei soldi.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il tasso si è poi ancora abbassato: ad esempio, la Bosnia ed Erzegovina ha ricevuto un prestito di 333 milioni di euro dall’FMI con un tasso di interesse dell’1,05%, e un periodo di grazia di 39 mesi.

Ma anche questo evidentemente non è stato abbastanza interessante per la Serbia. Motivo per cui la Serbia ieri ha preso due miliardi di euro pagabili in sette anni con un tasso di rendimento del 3,375%.

La Banca Nazionale ha valutato questa mossa come “un altro successo” e Vučić ha dichiarato ieri sera che “ci è andata benissimo”.

Ora prendere due miliardi di euro in sette anni con un rendimento del 3,38%, quasi tre volte più costoso di 6 mesi fa, è diventato “un altro successo”.

A parte il fatto che non è chiaro il motivo per cui sia stato necessario assumere un prestito tre volte più costoso della BiH, è ancora meno chiaro il persistente rifiuto della leadership al governo (Presidente e Ministro delle finanze) di ammettere che la Serbia aveva bisogno di denaro.

Ecco i fatti: il 6 aprile, il Consiglio fiscale aveva stimato che la Serbia avrebbe dovuto prendere in prestito 6,5 miliardi di euro quest’anno, per mitigare le perdite e uscire dalle conseguenze del coronavirus.

Meno di una settimana dopo, Vučić invece sosteneva che la Serbia non avrebbe ricevuto aiuti finanziari dal FMI, “dal momento che abbiamo grandi riserve di valuta estera e 31 tonnellate di oro”.

Quasi tre settimane dopo questa valutazione da parte del Consiglio fiscale, Vučić aveva dichiarato che “abbiamo rifiutato 1,2 miliardi dal Fondo Monetario Internazionale” e che ne era “orgoglioso”: “Perché dovremmo prendere 600 o 700 milioni in più del necessario?” Abbiamo già preso 200 milioni di euro”, ha detto Vucic il 23 aprile.

Quindi, il 23 aprile la Serbia non aveva bisogno di 1,2 miliardi di euro dall’FMI con un tasso di interesse (al massimo) dell’1,29%, mentre 18 giorni dopo ha preso in prestito due miliardi con un tasso di interesse del 3,38%.

http://rs.n1info.com/Biznis/a598479/Nova.rs-Srbija-se-zaduzila-mnogo-skuplje-no-sto-joj-je-bilo-nudjeno.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Aleksandar Vucic, pandemia, prestiti FMI
Vulin
TS: “Senza sosta la campagna elettorale dei funzionari al governo durante lo stato di emergenza”

fabrizi
Sem Fabrizi: “Le tensioni devono essere ridotte, i media devono essere obiettivi”

Close